MUSUMECI: FALLIMENTO DELL’AUTONOMIA SICILIANA, SERVE NUOVO PROGETTO COSTITUZIONALE

MUSUMECI: FALLIMENTO DELL’AUTONOMIA SICILIANA, SERVE NUOVO PROGETTO COSTITUZIONALE

Nello Musumeci, ospite della trasmissione Mattina 24, in onda su Radio 24, rispondendo alle domande di Luca Telese e Oscar Giannino in merito allo ‘Statuto speciale Siciliano’ ha detto: «Di fronte al fallimento dell’autonomia dobbiamo ripensare a un nuovo progetto costituzionale».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MUSUMECI: FALLIMENTO DELL’AUTONOMIA SICILIANA, SERVE NUOVO PROGETTO COSTITUZIONALE –

Nello Musumeci, candidato alla presidenza della Regione Siciliana, ospite della trasmissione 24 Mattino, in onda su Radio 24 ha risposto alle domande di Luca Telese e Oscar Giannino in merito allo ‘Statuto speciale Siciliano’ ha detto: «Di fronte al fallimento dell’autonomia dobbiamo ripensare a un nuovo progetto costituzionale». E si è detto: «convintissimo che l’autonomia sia servita finora più come privilegio che come opportunità per cui venne concessa».
Durante la conversazione, Musumeci ha risposto alle domande poste dai conduttori sull’utilità dello ‘statuto speciale’ anche analizzato il tema posto da Pietrangelo Buttafuoco, il quale da tempo sostiene che la Sicilia debba rinunciare allo ‘Statuto’ ormai passato, ispirato da nobile ideale ma scudo per malaffare e sprechi. Il candidato alla presidenza della Regione ha risposto che: «Buttafuoco incarna uno dei due sentimenti che coesistono. Da un lato rappresenta quella politica seria che dice «aboliamo lo statuto speciale perché è stata finora una foglia di fico». Non trascurando che: «C’è poi un’altra scuola di pensiero che ne rivendica la piena applicazione, senza chiedere elemosine, dove ci sono almeno 3-4 articoli importanti e fondamentali per il buon funzionamento dello stesso che non sono mai stati applicati e che sono stati negati in questi 70 anni dai governi romani di tutti gli orientamenti».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook