Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MARINAI FERMATI IN TUNISIA INIZIANO SCIOPERO DELLA FAME

MARINAI FERMATI IN TUNISIA INIZIANO SCIOPERO DELLA FAME

I marinai del peschereccio mazarese trattenuto in Tunisia iniziano lo sciopero della fame: il comandante riferisce: «L'ambasciata continua a dirci che è tutto a posto, ma noi siamo molto preoccupati».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MARINAI FERMATI IN TUNISIA INIZIANO SCIOPERO DELLA FAME –

I dieci componenti l’equipaggio del peschereccio mazarese Anna Madre hanno iniziato lo sciopero della fame. L’iniziativa è stata presa dopo aver appreso la notizia che non possono rientrare a Mazara del Vallo se prima non verrà pagata l’ammenda, fissata a 69 mila euro.
L’equipaggio composto da quattro mazaresi e sei tunisini residenti da anni a Mazara del Vallo erano nel peschereccio sequestrato nella notte tra il 15 e il 16 settembre scorsi in acque internazionali da militari tunisini che hanno condotto l’imbarcazione a Sfax. L’azione intrapresa dai dieci è stata comunicata telefonicamente dal comandante dell’Anna Madre, Giacomo Giacalone che ha detto: «Siamo estremamente amareggiati e preoccupati. Sapevamo che una volta fissata l’ammenda, noi marittimi potevamo partire, invece, rimaniamo bloccati qui a Sfax. In pratica non potremo rientrare in Italia finché non sarà pagata l’ammenda, una somma talmente alta che ci vuole del tempo per trovarla tutta. Quindi non sappiamo per quanto dovremo rimanere in Tunisia». Poi Giacalone conclude: «Dello sciopero della fame abbiamo avvertito l’ambasciata italiana in Tunisia. Continuano a dirci che è tutto a posto, ma noi continuiamo a rimanere bloccati qui in Tunisia, anche se liberi di scendere e salire dal peschereccio». Il comandante del natante bloccato a Sfax conferma che il sequestro è avvenuto in acque internazionali e di essere stato rinchiuso in una cabina per non meno di tre ore, dopo che i militari tunisini sono saliti a bordo del peschereccio prendendone il comando e conducendolo nel porto tunisino.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook