Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FIGLIO CHE TENEVA IN GREMBO MESSO ALL’ASTA

FIGLIO CHE TENEVA IN GREMBO MESSO ALL’ASTA

Scoperta dalla polizia postale di Catania una donna milanese che aveva pubblicato l'annuncio on line, con annessa ecografia: «Era solo una provocazione».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FIGLIO CHE TENEVA IN GREMBO MESSO ALL’ASTA –

Procura di Catania ha indagato in stato di libertà una 28nne di Milano per avere pubblicato on line un annuncio in cui sosteneva, poi si è scoperto falsamente, di essere al quinto mese di gravidanza e prometteva, dopo il parto, di vendere il figlio al migliore offerente. Il prezzo di partenza dell’asta era di 10mila euro. Non sono emerse proposte di acquisto.
La donna è stata identificata e sottoposta a perquisizione domiciliare e informatica, su disposizione dei Pm di Catania, eseguita dalla Polizia Postale di Milano. Le indagini erano state avviate da personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania dopo un annuncio pubblicato sulla pagina Facebook «Compro e vendo tutto» in cui un’utente, pubblicando l’ecografia del feto, proponeva un «affare».
L’indagata, sposata, addetta in un esercizio commerciale, ha ammesso di essere stata l’autrice dell’annuncio, spiegando che la sua era una provocazione, un «troll», per creare disturbo e fomentare gli utenti. Per renderla credibile aveva pubblicato anche l’immagine di un’ecografia prelevata da un gruppo web di mamme.
La Polizia Postale consiglia di non rispondere ai «troll», ignorando nella maniera più assoluta le provocazioni e segnalando, comunque, i contenuti che potrebbero configurare reati procedibili d’ufficio o imminenti pericoli al fine, in ogni caso, di verificarne la fondatezza. Inoltre, Coloro che si rendono autori di tali condotte possono rendersi responsabili di illeciti penalmente o civilmente perseguibili.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook