Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA E VOTO DI SCAMBIO A VITTORIA, ARRESTATO EX SINDACO

MAFIA E VOTO DI SCAMBIO A VITTORIA, ARRESTATO EX SINDACO

Il risultato dell’inchiesta sulle amministrative del 2016 ha causato l’arresto ai domiciliari di altre cinque persone: nella lista il fratello dell’ex sindaco Giuseppe Nicosia, Fabio, attuale consigliere comunale. Indagato anche il primo cittadino Moscato.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA E VOTO DI SCAMBIO A VITTORIA, ARRESTATO EX SINDACO –

Dopo un’indagine coordinata dalla Procura etnea i magistrati hanno dato mandato ai militari della guardia di finanza di Catania, di eseguire sei misure di arresti domiciliari per scambio elettorale politico-mafioso in relazione alle elezioni amministrative del 2016 del comune di Vittoria (Ragusa).
Nella lista degli arrestati anche l’ex sindaco Giuseppe Nicosia, 54 anni, e il fratello Fabio, 51 anni, attuale consigliere comunale, Giombattista Puccio, 57 anni, detto “Titta u ballerinu”, mafioso della Stidda, e Venerando Lauretta, condannato per mafia. Ai domiciliari sono finiti anche il 55enne Raffaele Di Pietro e Raffaele Giunta, 48 anni, che avrebbero svolto un ruolo di intermediazione nell’accordo criminale stretto tra politica e mafia.
I sentori di un’inchiesta sulle amministrative del 2016 a Vittoria, con nove indagati, si percepirono a giugno dello scorso anno, a pochi giorni dal voto. L’indagine era stata iniziatao dall’allora procuratore aggiunto di Catania, Amedeo Bertone, oggi procuratore a Caltanissetta, e dal sostituto della Dda etnea Valentina Sincero, che avevano delegato le indagini alla guardia di finanza.
In quel frangente Furono eseguite dalle fiamme gialle perquisizioni nei comitati elettorali di alcuni candidati del Pd che ne diedero notizia. Il fascicolo, di cui è titolare il procuratore Carmelo Zuccaro, iniziò dalle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia, Biagio Gravina e Rosario Avila.
In quel particolare momento l’ex sindaco Giuseppe Nicosia (Pd) commentò l’indagine parlando di «infondata accusa infamante» e di «macchina del fango», che «… diffusa nei gangli vitali, nei settori economici e in quelli politici della città, con il coinvolgimento di settori criminali che evidentemente non hanno gradito l’azione di legalità portata avanti con determinazione dalla mia amministrazione». Aggiunse inoltre:«Voglio che sia la magistratura ad acclarare e a smascherare il disegno criminoso che esponenti mafiosi, evidentemente toccati dalla mia azione e dalle mie denunce contro i clan, e ispirati da chissà chi, hanno inteso macchinare». A essere eletto sindaco: Giovanni Moscato, 40 anni, avvocato, anch’egli risulta tra gli indagati dell’inchiesta. La Procura ha sottolineato che non è stata chiesta alcuna misura cautelare nei confronti di Moscato perché il reato ipotizzato non la prevede.
Secondo l’accusa, sarebbero stati i fratelli Giuseppe e Fabio Nicosia a fare convergere nel turno di ballottaggio i voti su Moscato candidato per il centrodestra. In cambio, secondo l’ipotesi accusatoria, Moscato avrebbe portato avanti la stabilizzazione di 60 dipendenti della ditta che si occupa dello smaltimento dei rifiuti.
La ‘Stidda’ avrebbe dato il suo sostegno elettorale ai fratelli Nicosia, Giuseppe e Fabio, sia nelle amministrative del 2006 e 2011, sia nelle regionali e nazionali del 2008 e 2012. Gli investigatori hanno evidenziato che un contributo notevole alle indagini è stato fornito dalle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia che avrebbero rivelato l’intreccio affaristico-politico-mafioso che a Vittoria avrebbe condizionato e orientato le scelte elettorali anche prima delle elezioni amministrative del 2016. E ancora, il convogliamento dei voti, secondo quanto accertato, sarebbe stato ripagato dal sindaco Giuseppe Nicosia con l’assegnazione di appalti e posti di lavoro.
Inoltre, I militari del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Tributaria di Catania hanno accertato contatti tra i Nicosia ed esponenti di vertice della Stidda. Proprio in questo quadro si inserisce la strategia politica dei due fratelli che sarebbe stata orientata a mantenere e consolidare il peso e l’autorevolezza conquistati nel corso dell’ultimo decennio nelle decisioni dell’amministrazione locale. Secondo gli investigatori che viene fuori da quanto accertato: «il collaudato sistema clientelare si reggeva inoltre anche sui voti degli operatori ecologici: nelle ultime elezioni il sindaco uscente Giuseppe Nicosia avrebbe assicurato l’assunzione di 60 dipendenti dalla società subentrante nella gestione dei rifiuti a Vittoria».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook