Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DOTTORESSA STUPRATA, MINISTRO INVIA COMMISSARI

DOTTORESSA STUPRATA, MINISTRO INVIA COMMISSARI

Alla porta dell’ambulatorio si è presentato un operaio di 26 anni conosciuto e ha disattivato l'allarme. Una volta entrato ha sequestrato la donna e l’ha violentata per tre ore. Le grida di aiuto fanno scattare l’allarme. I carabinieri lo arrestano si aggira seminudo tra le stanze dell’ambulatorio. Intanto, il ministero della Salute rende noto che la Lorenzin, ha disposto l'attivazione di verifiche ispettive a campione presso i presidi di tutto il territorio nazionale per verificare le condizioni di lavoro degli operatori sanitari durante il servizio di continuità assistenziale (ex guardia medica).

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DOTTORESSA STUPRATA, MINISTRO INVIA COMMISSARI –

Continuano le ispezioni sull’intero territorio nazionale per verificare le condizioni di lavoro dei medici. La misura è stata decisa dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a seguito della riunione tecnica tenuta negli Uffici del Dicastero dopo i drammatici fatti di violenza ai danni di una dottoressa stuprata mentre era in servizio di guardia medica in un paese della provincia di Catania. Intanto, il ministero della Salute rende noto che la Lorenzin, ha disposto l’attivazione di verifiche ispettive a campione presso i presidi di tutto il territorio nazionale per verificare le condizioni di lavoro degli operatori sanitari durante il servizio di continuità assistenziale (ex guardia medica).
Una volta esaminato quanto emergerà dalle verifiche, il ministero della Salute potrà avviare gli interventi ritenuti necessari per garantire la sicurezza dei professionisti sanitari all’interno dei presidi.
Intanto, lo shock della cittadina dopo aver appreso l’inquietante notizia dello stupro di una dottoressa rimasta in balìa per ore del suo violentatore. Si trattava di un paziente che si è rivelato un mostro. Vittima una dottoressa di una guardia medica di Trecastagni, cinquantenne, rimasta per 2-3 ore ostaggio di un 26enne, italiano del posto, Alfio Cardillo, che l’ha aggredita, abusando di lei.
Secondo la Procura di Catania l’aggressore ha agito in maniera fredda e determinata. Dapprima ha finto di stare male e nonostante l’orario, infatti non è la prima volta che si reca nella struttura, la dottoressa, lo ha fatto entrare, sbloccando la porta blindata. All’improvviso lui l’aggredisce mandando in frantumi attrezzature e farmaci. Poi ha staccato il telefono fisso della struttura e disattivato il pulsante nascosto sotto il tavolo dei medici che fa scattare l’allarme alla centrale operativa del 112. Ed è cominciato così un incubo che, come riferiranno i carabinieri della compagnia di Acireale, è durato circa 2-3 ore. A porre fine all’incubo della vittima, la capacità della dottoressa di riuscire ad approfittare di un attimo di distrazione dell’aguzzino per urlare e cercare di scappare. Grida che ha sentito una coppia che abita in una casa di fronte allertando subito i carabinieri, i quali si sono portati con urgenza sul luogo. Quando sono arrivati hanno trovato la dottoressa senza abiti, con ecchimosi in più parti del corpo, che cercava di scappare e il suo aguzzino con i pantaloni ancora abbassati. I militari dell’Arma hanno soccorso la donna e arrestato in flagranza di reato l’aggressore, il quale è accusato di violenza sessuale, lesioni e sequestro di persona. Domani si terrà l’interrogatorio di convalida davanti al Gip.
La dottoressa, sotto choc, è stata portata in ospedale per gli accertamenti e per farsi curare le ferite. Ha figli e chiede, attraverso i suoi legali, il massimo della riservatezza per tutelare la sua identità per impedire di far sapere loro la tragedia da lei vissuta e annuncia che denuncerà l’uomo e che si costituirà parte civile.
Il sindaco ha detto: «Il 26enne arrestato era stato seguito dai servizi sociali del Comune e in passato era stato sottoposto a Trattamento sanitario obbligatorio (Tso)». Il primo cittadino ha espresso piena vicinanza alla vittima annunciando che: «l’amministrazione comunale farà tutto il possibile per darle pieno sostegno». Il sindaco ha ringraziato i carabinieri per il loro tempestivo intervento e ha sottolineato: «la ferma e decisa condanna nei confronti di qualsiasi episodio di violenza».
il direttore generale dell’Asp di Catania Giuseppe Giammanco, in una nota ha reso noto di aver già «dato mandato al nostro legale per la costituzione di parte civile a tutela dell’Azienda e, soprattutto, dei lavoratori» aggiungendo che questo è: «Un atto ignobile, offensivo della dignità della persona, perpetrato ai danni di un medico, una collega, nell’atto di compiere il proprio dovere di aiutare i cittadini. Esprimiamo la nostra vicinanza e la nostra solidarietà alla collega e alla famiglia. Le assicuriamo, da ora e in tutte le sedi, il nostro sostegno e la nostra attenzione».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook