Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CRISI UNIVERSITÀ, L’ATENEO DI CATANIA SI MOBILITA

CRISI UNIVERSITÀ, L’ATENEO DI CATANIA SI MOBILITA

Assemblea per discutere di scioperi e criticità: Docenti, ricercatori e studenti aderiscono alla riunione. Tra i problemi da risolvere: strutture poco qualificate, spazi ridotti e tanti sprechi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CRISI UNIVERSITÀ, L’ATENEO DI CATANIA SI MOBILITA –

Il mondo universitario di Catania ha aderito all’assemblea che si terrà domani per discutere dello sciopero che negli ultimi mesi ha messo in luce le contraddizioni dell’ateneo.
A dire dei Docenti, dottorandi, ricercatori e studenti: «Lo scopo  è quello di riunire il mondo della formazione per sviscerare i bisogni e le necessità. Sull’onda dello sciopero degli esami, si parlerà dell’allarme lanciato dal Coordinamento universitario, che riguarda la situazione complessiva dell’ateneo, con strutture poco qualificate, pochi spazi e laboratori e tanti sprechi di risorse».
Circostanze che «appaiono in continuo peggioramento se si considera tra l’altro che grazie alle norme introdotte dal sistema di valutazione della Vqr (Valutazione qualità della ricerca), la dinamica che si innesta è un circolo vizioso nel quale gli atenei del Sud Italia vengono costantemente ritenuti inferiori e, quindi, definanziati».
Quindi tutti si sono dati appuntamento alle 16 nell’aula 67 del monastero dei benedettini. Ragazzi e professori affermano che: «scioperare per il solo blocco degli stipendi, in un contesto nel quale vengono negati i più basilari diritti allo studente universitario, ai dottorandi e ai ricercatori, è riduttivo: sono anni che l’università pubblica è oggetto di gravi politiche di disinvestimento, divisone e competitività (tra atenei di “serie A” e di “serie B”), aziendalizzazione e privatizzazione. L’Italia si conferma tra i fanalini di coda su scala europea per investimenti in formazione: il 4% del Pil, sotto di quasi un punto percentuale rispetto alla media della Ue (4,9%)».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook