Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LO UCCIDE A COLTELLATE: «MINACCIAVA LA MIA FAMIGLIA»

LO UCCIDE A COLTELLATE: «MINACCIAVA LA MIA FAMIGLIA»

Posteggiatore abusivo trovato morto in casa con un coltello coficcato nel torace. Il giovane fermato confessa: «Minacciava la mia famiglia».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LO UCCIDE A COLTELLATE: «MINACCIAVA LA MIA FAMIGLIA» –

Ieri sera a Palermo, in vicolo Pipitone, nei pressi del Cantiere navale il ventottenne Giovanni Pizzuto, parcheggiatore abusivo, ha ucciso con un fendente al torace il 48enne Pietro Francesco Maronia che è stato colpito con un coltello da cucina. Il giovane vicino di casa della vittima è stato fermato con l’accusa di omicidio. Pizzuto ha confessato: «Aveva minacciato la mia famiglia». Maronia anch’esso parcheggiatore abusivo nel quartiere Acquasanta abitava in una casa fatiscente al piano terra. Quando la polizia è arrivata, dopo la telefonata di una donna, ha trovato il cadavere steso in terra con l’arma ancora conficcata. La polizia scientifica ha raccolto elementi decisivi per definire il quadro probatorio, soprattutto le impronte digitali trovate sul coltello.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook