Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AGGREDITA E VIOLENTATA DOTTORESSA DELLA GUARDIA MEDICA

AGGREDITA E VIOLENTATA DOTTORESSA DELLA GUARDIA MEDICA

Un uomo entra nell’ambulatorio della guardia medica con la scusa di farsi curare, poi va in escandescenze e assale la donna. I carabinieri lo hanno arrestato.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

AGGREDITA E VIOLENTATA DOTTORESSA DELLA GUARDIA MEDICA –

Il fatto è successo all’interno della guardia medica di Trecastagni, comune in provincia di Catania. Una dottoressa di turno è stata aggredita e violentata da un 26enne. Il giovane, residente nello stesso paese etneo, è stato arrestato da carabinieri di Acireale. L’uomo sarebbe entrato con la scusa di farsi curare e poi l’avrebbe sequestrata. Una volta entrato sarebbe invece andato in escandescenze, danneggiando arredi della stanza, e poi violentando la dottoressa che era in servizio.
L’allarme l’avrebbe dato un passante sentendo urlare la donna che era all’interno della guardia medica. L’uomo ha subito avvisato i carabinieri che sono intervenuti. La dottoressa, che sarebbe riuscita a fuggire, è stata soccorsa da militari, i quali hanno fatto irruzione nella guardia medica e arrestato il 26enne. Sulla inquietante vicenda la Procura di Catania ha aperto un’inchiesta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook