Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO, DIMESSA DALL’OSPEDALE IL GIORNO DOPO MUORE

PALERMO, DIMESSA DALL’OSPEDALE IL GIORNO DOPO MUORE

Donna 67enne cade e batte la testa, ricoverata, i medici di Villa Sofia la lasciano andare senza controlli neurologici. I parenti: «Al secondo ricovero in codice rosso è stata abbandonata».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PALERMO, DIMESSA DALL’OSPEDALE IL GIORNO DOPO MUORE –

Maria Angela Nunzia D’Amico, 67 anni è deceduta nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Villa Sofia di Palermo. La donna era caduta in casa e aveva battuto il capo. Visitata in ospedale era stata dimessa dal pronto soccorso. Il giorno è stata ricoverata di nuovo, stavolta in coma.
La donna era stata trasportata in ospedale con un bernoccolo in testa e una frattura al braccio destro e le era stato assegnato il codice verde, racconta la sorella Rosalba D’Amico che ha presentato denuncia ai carabinieri: «Siamo rimasti cinque ore al pronto soccorso, i medici hanno accertato la frattura, ma hanno deciso di non sottoporla ad accertamenti neurologici nonostante la botta in testa. All’1.30 di notte è stata dimessa». L’indomani la donna si è sentita male continua la sorella: «Vomitava e non riusciva a muovere gli arti. Aveva mancanza totale di equilibrio. Abbiamo chiamato il 118, che l’ha riportata a Villa Sofia in codice rosso, con una richiesta urgente di Tac. E’ rimasta lì nella shock room per più di 2 ore, in attesa degli accertamenti clinici. Tempo durante il quale mia sorella ha avuto un crollo delle sue condizioni di salute, senza ricevere nessun supporto da parte del personale sanitario e oltretutto senza che io potessi starle accanto, anche per tranquillizzarla e tenerla sveglia. La Tac è stata eseguita soltanto alle 15.45, e dopo circa 30 minuti mi è stato comunicato che era in atto un idrocefalo con un riversamento e che mia sorella era in gravissime condizioni. L’intervento è stato effettuato alle 17.30 circa».
La donna è assistita dall’associazione Siciliae Mundi e la presidente Loredana Novelli evidenzia: «la mancanza di attenzione. I familiari non hanno mai parlato con il primario, ma solo con i rianimatori che continuavano a sostenere che la paziente era in pericolo di vita».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook