Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale, Religione

DALAI LAMA PARLA AL TEATRO ANTICO DI TAORMINA

DALAI LAMA PARLA AL TEATRO ANTICO DI TAORMINA

Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama e premio Nobel per la pace parla al Teatro Antico di Taormina: «Dobbiamo vedere il mondo con una visione che abbraccia, le differenze di religione sono secondarie. È meraviglioso che l'Italia accolga i rifugiati». E ancora ha spiegato che: «L'unica soluzione è convivere in pace».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DALAI LAMA PARLA AL TEATRO ANTICO DI TAORMINA –

Erano presenti più di duemila persone per il Daila Lama che si è presentato al Teatro Antico di Taormina. Al suo ingresso nella cavea tutti si sono alzati in piedi, ad accoglierlo il sindaco Eligio Giardina, il primo cittadino di Messina Renato Accorinti e l’assessore regionale al Turismo, Antony Barbagallo. Il Dalai Lama è arrivato ieri all’aeroporto di Catania e resterà in Sicilia fino a lunedì. L’ultima tappa sarà Palermo, dove nel ’96 gli fu conferita la cittadinanza onoraria. Appena arrivato il religioso ha affrontato i temi della pace rispondendo alle domande del pubblico.
Per l’occasione, all’alta carica religiosa buddista è stata conferita l’Onorificenza della Città metropolitana di Messina. Il religioso rivolgendosi alle migliaia di spettatori ha affermato: «Il mio corpo è anziano ma la mia mente è molto giovane sono felice di essere con voi e di avere avuto questo riconoscimento e questo contatto così diretto con i sindaci». Ha proseguito nel suo discorso dicendo: «Vi porto un messaggio antico in un luogo di storia. Buddha lo considero un filosofo. Sono contrario al cambio della religione: ognuno deve mantenere la propria. Mi reputo uno dei sette miliardari di persone del mondo. Le differenze, per esempio di religione o di altro, sono secondarie. Voglio essere uno di voi. Problemi come il riscaldamento globale o l’economia mondiale investono tutti; c’è invece troppa enfasi sulle differenze secondarie come quello di razza o religione. Bisogna porre invece enfasi sull’unità della razza umana».
Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama già ventitreenne, a seguito del fallimento della rivolta contro la repubblica Popolare cinese di Mao Tse Tung che ha assoggettato il Tibet, si allontanò da Lhasa il 17 marzo 1959 e prese la via dell’esilio. Dopo un viaggio di 17 giorni attraversando le montagne himalayane arrivò in India, dove fu accolto dal primo ministro Jawaharlal Nehru che gli diede la cittadinanza indiana.
Durante la sua apparizione al pubblico taorminese e alle migliaia di turisti presenti ha ringraziato l’Italia per il suo impegno ad accogliere i migranti ha sottolineato: «È meraviglioso che questa nazione accolga i rifugiati. A nome di tutti loro vi ringrazio, state facendo una cosa splendida. Bisogna pensare ad accoglierli, ma poi aiutarli a ricostruire le loro nazioni». Poi ha concluso:
«Dobbiamo vedere il mondo con una visione che abbraccia. India e Cina non hanno capacità di distruggersi a vicenda, per loro l’unica soluzione è convivere in pace. Promuovo la convivenza interreligiosa, che si è ottenuta, ad esempio, in India; credo lo si possa fare in tutto il mondo. È indispensabile, inoltre, che ci siano filosofie diverse. Il cuore del pensiero è, però, sempre lo stesso. Se sei musulmano non sei violento, quando uccidi sei terrorista e non musulmano o buddhista”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook