Archiviato in | Musica, Spettacolo

TEATRO MASSIMO PALERMO, PRESENTATO IL NUOVO CARTELLONE

TEATRO MASSIMO PALERMO, PRESENTATO IL NUOVO CARTELLONE

Il 23 gennaio inizierà il programma con «Guillaume Tell» di Rossini. Grandi sorprese, le scene di «Fra Diavolo», per la prima volta stampate in 3 D. La direzione punta sui direttori d’orchestra più prestigiosi del momento, da Zubin Mehta, che torna in sicilia per dirigere il Requiem di Verdi, a Michele Mariotti, Wayne Marshall e Fabio Biondi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TEATRO MASSIMO PALERMO, PRESENTATO IL NUOVO CARTELLONE –

Presentata la stagione 2018 del Teatro Massimo di Palermo. Quest’anno si è puntato su innovazione e collaborazione con i più grandi teatri d’Europa. Invitati a esibirsi i direttori d’orchestra più prestigiosi del momento, da Zubin Mehta, che torna per dirigere il Requiem di Verdi, a Michele Mariotti, Wayne Marshall e Fabio Biondi. La stagione iniziarà il 23 gennaio con «Guillaume Tell» di Rossini, opera che manca da Palermo da circa 60 anni, in questa occasione nella versione francese, diretta da Gabriele Ferro, con il baritono Roberto Frontali.
Le chicche della stagione saranno le scene di «Fra Diavolo», per la prima volta stampate in 3 D, costruite in amido di mais, da una società europea all’avanguardia, la Wasp di Bologna, e seguendo le direttive del creativo regista Barberio Corsetti. E ancora la regia di «Rigoletto» di Verdi, sarà affidata a John Turturro. Vanto della direzione artistica il primo concerto assoluto per smartphone e orchestra diretto dal compositore Tan Dun con la partecipazione della Kids orchestra del Teatro. Sul podio piccoli oggetti, realizzati dalla stampante in 3D, che richiamano i titoli della stagione di opere: la mela di Guglielmo Tell, il cappello di Rigoletto e il pugnale de «I Puritani» di Bellini. A giugno sarà la volta di «Cavalleria rusticana» e «Rapsodia satanica» di Pietro Mascagni. Altra scelta inattesa e meno frequentata, «La mano felice» di Arnold Schoemberg e «Il Castello di Barbablù» di Bela Bartok, una sfida lanciata dalla coppia di registi Ricci e Forte di arte innovativa. Seguirà Gabriele Ferro che salirà sul proscenio con “Le nozze di Figaro» per la regia di Chiara Muti. La stagione chiuderà i battenti a dicembre 2018 con la «Bohème» di Puccini, diretta da Daniel Oren, con Marina Rebeka. Quindi, saranno messe in scena in totale dieci opere, tre balletti, tra cui il ritorno della grande Carolyn Carlson, e dodici concerti per la stagione sinfonica. Il sindaco Leoluca Orlando e il sovrintendente Francesco Giambrone che hanno usufruito anche della produttiva coincidenza della stagione palermitana, con la nomina del capoluogo siciliano «capitale della cultura», valutando inoltre un incremento negli ultimi due anni di circa duemila spettatori in più.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook