Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO, ALTRO POLIZIOTTO SI UCCIDE IN CARCERE

PALERMO, ALTRO POLIZIOTTO SI UCCIDE IN CARCERE

Si è tolto la vita sparandosi con la pistola di ordinanza. Si tratta di un agente in servizio al carcere Pagliarelli di Palermo. Negli ultimi 3 anni si sono verificati 40 suicidi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PALERMO, ALTRO POLIZIOTTO SI UCCIDE IN CARCERE –

Il Sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe ha comunicato la tragica notizia di un assistente capo del Corpo di polizia penitenziaria, originario di Termini Imerese e in servizio nel nucleo traduzioni e piantonamenti del carcere Pagliarelli di Palermo che si è tolto la vita oggi, sparandosi con la pistola d’ordinanza. I vertici del sindacato: «Ha prestato servizio e poi è tornato a casa, dove si è tolto la vita. Siamo di fronte a una tragedia immane».
Donato Capece, segretario generale del Sappe ha detto: «Sembra davvero non avere fine il mal di vivere che caratterizza gli appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria. Ed è grave che in Sicilia, in tanti anni, nulla è stato fatto per prevenire il disagio lavorativo dei poliziotti penitenziari. Lo scorso mese di aprile, a Marsala, un altro poliziotto penitenziario si tolse la vita ma quella tragedia non ha insegnato nulla». Ancora il sindacalista ha evidenziato che negli ultimi tre anni si sono suicidati più di 40 poliziotti e dal 2000 ad oggi sono stati complessivamente più di 100, ai quali sono da aggiungere anche i suicidi di un direttore di istituto (Armida Miserere, nel 2003 a Sulmona) e di un dirigente generale (Paolino Quattrone, nel 2010 a Cosenza).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook