Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

UCCIDE PENSIONATO A PALAGONIA, “NON SO PERCHÉ L’HO FATTO”

UCCIDE PENSIONATO A PALAGONIA, “NON SO PERCHÉ L’HO FATTO”

L'omicida si chiama Gesualdo Rossitto che si è costituito. L’uomo ha 60 anni con problemi economici. La vittima aveva 81 anni e i due si conoscevano appena.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

UCCIDE PENSIONATO A PALAGONIA, “NON SO PERCHÉ L’HO FATTO” –

Il delitto è avvenuto a Palagonia, comune in provincia di Catania. Lo ha ucciso con più di tre coltellate e poi si è costituito dai carabinieri dicendo loro: «non so perché l’ho fatto…». A cadere sotto i fendenti dell’assassino un pensionato di 81 anni, Raffaele Mandrà.  L’omicida è un 60enne, Gesualdo Rossitto, con problemi economici che stamattina è uscito di casa, ha spiegato ai militari dell’Arma, in uno stato mentale confuso. Mentre passeggiava, colpito da un raptus, ha aggredito il pensionato uccidendolo, apparentemente senza un motivo: i due si conoscevano di vista, ma non avevano contrasti tra di loro. Inutile l’arrivo sul posto di un elicottero del 118. Sul delitto la Procura di Caltagirone ha aperto un’inchiesta delegando le indagini ai carabinieri della compagnia di Palagonia. In merito alla tragica vicenda il sindaco di Palagonia, Salvatore Astuti è intervenuto dicendo: «Dovrei consegnare le chiavi del Comune al ministro dell’Interno, Marco Minniti: questo nuovo delitto dimostra che non siamo al sicuro. La città ha bisogno di attenzioni particolari». Intanto gli investigatori dei militari dell’Arma son al lavoro per ricostruire l’esatta dinamica dell’assassinio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook