Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PAGAVA CON SOLDI FALSI, ARRESTATO

PAGAVA CON SOLDI FALSI, ARRESTATO

Aveva pagato con 50 euro contraffatti. La cassiera del negozio si accorge del denaro falso e insegue il truffatore. In strada passava un poliziotto fuori servizio che è intervenuto arrestandolo.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PAGAVA CON SOLDI FALSI, ARRESTATO –

Gli agenti della polizia di Catania, ieri sera hanno arrestato Alessandro Palmieri, 26 anni accusato di per aver speso soldi falsi. Il giovane è stato arrestato da un poliziotto libero dal servizio che ha assistito all’inseguimento della cassiera di un negozio, la quale aveva ricevuto in pagamento una banconota da 50 euro falsi: la donna si era accorta della truffa e aveva cercato di richiamare il cliente che, invece, si era dileguato in direzione della via Umberto a Catania. L’agente è intervenuto immediatamente, bloccando il fuggitivo e avvisando i colleghi che sono intervenuti immediatamente. Dopo il fermo e l’interrogatorio è stata effettuata la perquisizione nell’abitazione dell’uomo, sono state trovate altre tre banconote false dello stesso taglio che sono state sequestrate. Il Pm di turno ha disposto per Palmieri gli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook