Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CODACONS: SCUOLE A RISCHIO ED EDIFICI INSICURI

CODACONS: SCUOLE A RISCHIO ED EDIFICI INSICURI

la provocazione del Codacons: «Non riaprite le scuole, sono a rischio», l’associazione dei consumatori evidenzia che troppi edifici sono insicuri.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CODACONS: SCUOLE A RISCHIO ED EDIFICI INSICURI –

Francesco Tanasi, segretario nazionale Codacons, chiede a comuni e province di intervenire urgentemente per le verifiche della vulnerabilità sismica di tutti gli edifici scolastici, prima dell’apertura delle scuole. Tanasi: «Quanto sono sicure le scuole dei nostri figli? Quante scuole hanno fatto le ‘obbligatorie’ verifiche di vulnerabilità? La fotografia dell’edilizia scolastica non è confortante e, mentre il paese trema, c’è preoccupazione per l’imminente apertura dell’anno scolastico».
L’avv. Carmelo Sardella dirigente ufficio regionale Codacons afferma: «Grava sul dirigente scolastico l’onere di valutare se consentire l’accesso all’edificio scolastico e, conseguentemente, garantire o meno il diritto allo studio». Così il Codacons lancia una provocazione: «O gli enti pubblici intervengono immediatamente, garantendo la sicurezza degli edifici prima dell’apertura dell’anno scolastico o il Codacons invita tutti i dirigenti scolastici a denunciare la mancata messa in sicurezza delle nostre scuole siciliane e, di riflesso, a disporne la chiusura». Sempre i dirigenti del Codacons sottolineano che è compito degli amministratori trovare fondi e strumenti per rientrare nella legalità. Tanasi raccomanda che: «L’unica cosa certa è che non è tollerabile esporre i bambini a pericoli. Del resto, il dirigente scolastico non può sostituirsi al proprietario dello stabile ed intervenire sugli edifici».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook