Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

VIGILE AGGREDITO, L’INDAGATO CONFESSA

VIGILE AGGREDITO, L’INDAGATO CONFESSA

Il giovane fermato durante l'interrogatorio di garanzia ha ribadito di aver colpito l'ispettore Licari della polizia municipale e si dice pentito del grave atto commesso.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

VIGILE AGGREDITO, L’INDAGATO CONFESSA –

L’interrogatorio di garanzia al 22enne fermato per il tentativo di omicidio dell’ispettore della polizia municipale di Catania, Luigi Licari è stato eseguito dal Gip Daniela Monaco Crea si è svolto nel carcere di Catania ed è durato pochi minuti. Il giovane è accusato di aver aggredito il vigile urbano per avergli impedito di passare con uno scooter in una strada chiusa al traffico temporaneamente.
Il giovane, difeso dagli avvocati Ignazio Danzuso e Giorgio Antoci, ha confermato quanto dichiarato in sede di interrogatori, ammettendo di avere colpito “con una manata” l’ispettore al culmine di una lite e di non essersi accorto della gravità del suo gesto, di cui si dice pentito.
L’inchiesta, coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, con deleghe all’aggiunto Ignazio Fonzo e al sostituto Santo Distefano, registra per il momento un unico indagato, ma nella ricostruzione della squadra mobile della Questura sull’aggressione si parla di altre persone, comprese delle donne che erano presenti assieme al 22enne al momento dell’aggressione. Intanto si attende la decisione del Gip il prossimo lunedì.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook