Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OMICIDIO CUSIMANO: ARRESTATO COMPLICE

OMICIDIO CUSIMANO: ARRESTATO COMPLICE

Si chiama Fabrizio Tre Re, 27 anni, sorvegliato speciale, era alla guida della smart nella quale era a bordo l'assassino Calogero lo Presti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OMICIDIO CUSIMANO: ARRESTATO COMPLICE –

Su indicazione della Procura i carabinieri del comando provinciale di Palermo hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Fabrizio Tre Re, 27 anni, che era sottoposto alla sorveglianza speciale, accusato di concorso nell’omicidio di Andrea Cusimano, ucciso la mattina del 26 agosto scorso, nel mercato del “Capo” a Palermo.
Il giovane sarebbe stato alla guida della Smart da cui scese Calogero Piero Lo Presti che uccise Cusimano con diversi colpi di pistola. Lo Presti era stato arrestato in flagranza di reato dai militari del nucleo investigativo. oltre all’arresto di Fabrizio Tre Re, i militari dell’arma hanno notificato anche avvisi di garanzia a Teresa Pace, 84 anni, nonna della vittima, Giuseppe Di Salvo, 41 anni, titolare del bar che si trova di fronte alla bancarella dei Cusimano, Giovanni Lo Presti, 45 anni, padre di Calogero Pietro, tutti accusati di favoreggiamento. Il 29 agosto la nonna del fruttivendolo Teresa Pace di 84 anni si era recata in carcere a spiegare al figlio Silvio Bertolino, zio di Andrea Cusimano cosa era successo. Un racconto preciso considerato il racconto preciso dell’accaduto, che da quanto dice e afferma nell’incontro, la donna è testimone oculare della prima lite tra il nipote e Calogero Pietro Lo Presti che si era recato al ‘Capo’ insieme al padre Giovanni per avere spiegazioni sulla discussione che era avvenuta alla Vucciria la notte precedente. Durante il colloquio Teresa Pace e il nipote Giuseppe Bertolino raccontavano al congiunto la dinamica dei fatti che avevano portato all’uccisione del fruttivendolo.
Secondo quanto si legge nell’ordinanza, Teresa Pace, aveva riferito che per quest’omicidio avrebbero subito conseguenze in tre, considerato che i Carabinieri avevano trovato la pistola sulla quale verranno sicuramente trovate le impronte di tre persone: Calogero Piero Lo Presti che aveva sparato, il padre Giovanni Lo Presti che gli aveva tolto la pistola dalle mani e Giuseppe Di Salvo, il titolare del bar di Porta Carini che aveva verosimilmente nascosto la pistola: Nonna Teresa affermava che la responsabilità di quanto accaduto sarebbe da addebitare al fratello di Andrea, Francesco che avrebbe schiaffeggiato Giovanni Lo Presti, padre di Calogero Pietro, alla Vucciria.
Gli schiaffi potrebbero essere stati l’origine della prima rissa al mercato, così come hanno raccontato Teresa Pace e Giuseppe Bertolino: Calogero Pietro Lo Presti dopo avere ricevuto la sberla da Andrea Cusimano avrebbe estratto un coltello e ferito sul volto lo stesso. La prima lite che era stata sedata dall’arrivo dei carabinieri. Intanto, Calogero Pietro Lo Presti era salito sulla Smart per prendere la pistola, tornare e uccidere Cusimano.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook