Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

VIGILE PICCHIATO COL CASCO DAL BRANCO

VIGILE PICCHIATO COL CASCO DAL BRANCO

Raid in via del Rotolo a Catania. Sul lungomare un vigile non fa passare un ragazzo con lo scooter, poi ritorna con un gruppo di giovani e lo picchiano con il casco. Ora l'ispettore di polizia municipale Luigi Licari è in prognosi riservata. La magistratura apre un'inchiesta.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

VIGILE PICCHIATO COL CASCO DAL BRANCO –

Un vigile urbano vieta l’accesso a una strada momentaneamente chiusa al traffico a un giovane su uno scooter, poi ritorna con un branco di amici e lo picchiano selvaggiamente colpendolo alla testa anche con un casco. Il pestaggio è avvenuto ieri sera in via Del Rotolo, vicino al lungomare Ognina di Catania. la vittima è l’ispettore della polizia municipale Luigi Licari che è ricoverato in prognosi riservata per trauma cranico nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Cannizzaro.
Appena appresa la notizia del grave ferimento del vigile urbano, il sindaco di Catania Enzo Bianco è intervenuto precisando che si è trattato di «un episodio inaudito di violenza e inciviltà, nato perché il nostro vigile ha impedito l’ingresso in via del Rotolo, pedonalizzata durante il weekend, a un ragazzo in motorino, per di più senza casco. L’ispettore Luigi Licari è in coma farmacologico e ha vissuto un’esperienza terribile. A lui e alla sua famiglia va la nostra solidarietà e un augurio sincero di poter guarire presto». Poi ha aggiunto il sindaco: «L’incapacità di rispettare normali regole della strada non può trasformarsi in un episodio così violento. Occorre individuare i responsabili del tentato omicidio di ieri sera, condannarli in modo esemplare, far sì che scontino la pena».
In conclusione Bianco ha precisato: «Catania si gioca il suo futuro se riesce preservare ordine, sicurezza e decoro urbano. Ma questo può avvenire non solo grazie all’azione delle istituzioni e delle forze dell’ordine a cui va il mio ringraziamento ma soprattutto se i cittadini avranno la capacità di indignarsi e reagire, contro chi distrugge una colonnina di Sostare, o imbratta i muri, o sporca le strade, o non rispetta il codice della strada». Sull’aggressione indaga la squadra mobile della Questura su delega della Procura che ha aperto un’inchiesta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook