Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUORE IN OSPEDALE, PARENTI DISTRUGGONO REPARTO

MUORE IN OSPEDALE, PARENTI DISTRUGGONO REPARTO

La paziente in cura non ce l'ha fatta per complicazioni cardiache durante la dialisi. Parenti in rivolta, per riportare la calma è stato necessario l'intervento della polizia.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MUORE IN OSPEDALE, PARENTI DISTRUGGONO REPARTO –

Il fatto è successo a Palermo. Una paziente muore in ospedale durante una dialisi e i familiari hanno iniziato a inveire contro i medici danneggiando il reparto. E’ accaduto nell’ospedale “Cervello” del capoluogo siciliano. La donna, 58 anni, cardiopatica durante il trattamento si è sentita male; trasferita in cardiologia è morta. Alla notizia della dipartita della loro parente sono stati presi dalla collera. Per sedare la rabbia sono dovute intervenire tre pattuglie della polizia. La direzione dell’ospedale ha comunicato che: «Durante la dialisi sono sorte complicazioni cardiache che hanno richiesto il trasferimento a Cardiologia, all’unità terapia intensiva coronarica, il 29 agosto. E’ stata assistita immediatamente, le è stato subito impiantato un pacemaker temporaneo e ha continuato a fare la dialisi nel reparto. La donna è stata monitorata costantemente con la massima professionalità da parte dei medici del reparto. Ieri la situazione è peggiorata. Tre medici cardiologi l’hanno assistita e per più di un’ora hanno effettuato un intervento di rianimazione, terminato il quale non si è potuto fare altro che constatarne il decesso». Sempre i responsabili dell’ospedale hanno spiegato: «Tutta l’assistenza alla signora è stata eseguita nel più pieno e scrupoloso rispetto delle procedure e con estrema professionalità da parte dei medici del reparto». Non lo pensano allo stesso modo i parenti della donna che hanno presentato denuncia alla polizia e che sono stati a loro volta denunciati per i danni provocati nel reparto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook