BILANCI COMUNALI, REGIONE MANDA I COMMISSARI A PIÙ DI DUECENTO AMMINISTRAZIONI

BILANCI COMUNALI, REGIONE MANDA I COMMISSARI A PIÙ DI DUECENTO AMMINISTRAZIONI

Nella lista delle città commissariate dalla Regione Siciliana vi è anche la città di Palermo per consuntivo e bilancio previsionale. Ma più che il capoluogo siciliano preoccupa la condizione generale dei piccoli e medi comuni dell’isola che sarebbero quasi tutti in notevoli difficoltà economiche.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BILANCI COMUNALI, REGIONE MANDA I COMMISSARI A PIÙ DI DUECENTO AMMINISTRAZIONI –

L’assessore regionale alle Autonomie locali Luisa Lantieri ha firmato l’atto di commissariamento per più di duecento comuni siciliani che corrispondono a oltre la metà dei centri dell’isola. Tra questi, quello di Palermo perché considerato la città meno a rischio commissariamento e pur trattandosi del capoluogo di Regione.
I conti del Capoluogo siciliano non sono tanto in ordine o perlomeno per quanto riguarda gli atti che non sono stati evasi nei termini di legge. Come ad esempio il rendiconto generale di gestione del 2016 quando ormai è in arrivo il 2017, e ancora tra questi anche il bilancio previsionale. Quindi per spronare l’avvio dell’approvazione, la Regione manda un commissario a Palazzo delle Aquile.
Il commissario Antonio Garofalo è stato inviato dalla Regione Siciliana a Palermo e si è insediato oggi mettendo stilando, un atto di diffida al Consiglio comunale «ad approvare lo strumento finanziario entro e non oltre 30 giorni dalla data di prima adunanza» prevista per il 7 settembre, data in cui il Consiglio comunale è stato convocato per la prima volta. Quindi primo lavoro importante per il Consiglio comunale che si trova a discutere un problema ereditato dal precedente consiglio. In realtà il commissariamento è ancora in una fase embrionale e l’atto regionale è piuttosto interlocutorio. Solo se non dovesse essere rispettato il termine dei trenta giorni partiranno le procedure sanzionatorie. Ma più che la città di Palermo preoccupa la condizione generale dei piccoli e medi comuni siciliani che sarebbero quasi tutti in notevoli difficoltà economiche.

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook