Archiviato in | Politica, Politica Regionale

MUSUMECI IN VANTAGGIO, MDP INDICA FAVA

MUSUMECI IN VANTAGGIO, MDP INDICA FAVA

Elezioni regionali alle porte e il presidente dell'Antimafia siciliana prepara le liste e auspica una coalizione la ampia possibile. La sinistra indica il figlio del giornalista, Claudio Fava.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MUSUMECI IN VANTAGGIO, MDP INDICA FAVA –

Mentre Nello Musumeci si è portato avanti con il lavoro e sta preparando le liste per le elezioni siciliane del 5 novembre, la sinistra Art.1-Mdp propone Claudio Fava come candidato alla carica di governatore della Sicilia che potrebbe essere un «progetto di rottura con il passato». Nel centrodestra l’attuale presidente dell’Antimafia regionale all’Ars non è disposto a mettersi da parte per far posto a Gaetano Armao, il personaggio che secondo le cronache avrebbe colpito Silvio Berlusconi per il suo programma, in questo momento deve confrontarsi con quanto ribadito da Musumeci: «Spero che si possa arrivare presto a una coalizione molto ampia, da Forza Italia ai centristi e agli autonomisti. Intanto, lavoriamo alla formazione delle liste».
Intanto molti rappresentanti di Forza Italia continuano a chiedere una soluzione unitaria che non sembra oggi ancora tanto vicina. Intanto, in casa Armao è stata annunciata la presentazione pubblica del manifesto del suo movimento «SicilianiIndignati» fissata nel pomeriggio di lunedì prossimo nel capoluogo siciliano.
Anche per il centrosinistra, inizio di settimana impegnativo e travagliato. Infatti, il segretario regionale del Pd Fausto Raciti ha convocato la segreteria regionale del partito per trovare una soluzione, dopo i reiterati no di Mpd e Sinistra italiana a partecipare ad una coalizione che comprenda Alternativa popolare di Angelino Alfano. Frattanto, nei due partiti ancora nulla da ridire. Invece, sul candidato proposto da Leoluca Orlando, il rettore dell’università di Palermo Fabrizio Micari, secondo il sindaco del capoluogo siciliano è l’unico in grado, di interpretare su scala regionale il cosiddetto «modello Palermo».
Corradino Mineo torna sulla questione e smentisce una sua autocandidatura alla presidenza della Regione: «Sono stato molto interessato al tentativo di Orlando. Mi pare però – osserva il senatore di Si – che questa operazione mostri la corda, che non sia innovativa, che metta insieme pezzi di classe politica che non hanno dato una buona prova in passato. Quindi appoggio questo no che le forze della sinistra stanno dicendo».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook