Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

KILLER LO UCCIDE TRA LE BANCARELLE

KILLER LO UCCIDE TRA LE BANCARELLE

Il fatto è successo nel mercato del Capo, fruttivendolo assassinato dopo una breve fuga. E’ morto Andrea Cusimano pluripregiudicato. Bloccato dai carabinieri Calogero Lo Presti, cugino del boss di Portanuova.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

KILLER LO UCCIDE TRA LE BANCARELLE –

Agguato al mercato del capo a pochi metri dal palazzo di giustizia, un uomo di 30 anni, Andrea Cusimano, pluripregiudicato, è stato assassinato con tre colpi di pistola dopo una breve fuga.
La vittima gestiva una bancarella di frutta e verdura prima di Porta Carini nel mercato storico di Palermo. L’agguato è stato consumato tra le bancarelle che affollano la zona. Le modalità del delitto fanno ipotizzare la matrice mafiosa. Durante la sparatoria il mercato stava cominciando ad animarsi. Cusimano, dopo l’aggressione, è stato trasportato dall’ambulanza del 118, al pronto soccorso dell’ospedale Civico del capoluogo siciliano, ma è morto poco dopo l’arrivo. Fatale la ferita al torace provocata da uno dei colpi sparati. I carabinieri hanno fermato Calogero Lo Presti, 23 anni, cugino del boss di Portanuova Tommaso Lo Presti. Nel luogo dell’omicidio è stato trovato un revolver calibro 8 di marca francese, che potrebbe essere l’arma del delitto.
Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la vittima è stata affiancata da una Smart con a bordo due uomini, uno dei quali Lo Presti che è sceso è ha iniziato a sparare a Cusimano, fuggito dentro al mercato. Il killer l’ha inseguito sparandogli più volte fin quando l’ha visto cadere. Tracce di sangue sono ancora visibili a terra. Lo Presti è poi tornato in auto. Intanto, prima che il complice potesse allontanarsi dalla zona, sono arrivati due carabinieri e dopo una colluttazione uno dei militari ha costretto l’assassino a scendere dalla macchina, nel tafferuglio il militare è rimasto lievemente ferito. Il complice è sceso dalla vettura ed è riuscito a dileguarsi a piedi. Intanto gli investigatori sono alla ricerca del fuggitivo e dei mandanti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook