DISABILI GRAVI SICILIA, ASSEGNO ARRIVA SOLO IN PARTE

DISABILI GRAVI SICILIA, ASSEGNO ARRIVA SOLO IN PARTE

Disabili annunciano ricorso collettivo. Le estenuanti proteste di piazza degli ultimi mesi dei disabili gravi siciliani senza assistenza avevano costretto il presidente Crocetta a promettere impegno e aiuto per non lasciarli soli.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

DISABILI GRAVI SICILIA, ASSEGNO ARRIVA SOLO IN PARTE –

I Disabili gravi annunciano ricorso un collettivo: il tanto atteso assegno per l’assistenza domiciliare è arrivato solo in parte, l’assistenza quindi è a singhiozzo. Il primo assegno per l’assistenza i disabili lo hanno avuto a giugno, ed era relativo ai mesi di aprile, maggio e giugno. A luglio non hanno ricevuto nulla, ad agosto nemmeno. Pare che qualche Asp, a seguito della richiesta di delucidazioni, abbia comunicato che per ogni liquidazione bisogna emettere un atto formale. La prossima delibera dovrebbe essere fatta a settembre, e si dovrebbe andare avanti con ‘pacchetti’ di 3 mesi.
Chi non ha i soldi per anticipare ai propri assistenti le somme dovute, in attesa dell’assegno della Regione, che cosa farà? La domanda al momento non ha risposta. Come aveva denunciato nei giorni scorsi anche Francesco Perugia, un ragazzo palermitano costretto in carrozzina, la macchina burocratica si è inceppata. E l’assistenza per queste persone, che non sono autosufficienti, sembra sempre più un miraggio.
Quindi i rappresentanti delle associazioni che hanno formato il comitato «Siamo handicappati no cretini» si sono riuniti per fare il punto sulle misure adottate dal governo regionale, annunciando ricorsi contro le inadempienze dell’amministrazione. Il piano stilato da Crocetta prevede un assegno da 1.500 euro al mese per i disabili gravissimi, che in tutto secondo un censimento effettuato sono circa 1.700 in Sicilia. Inizialmente il provvedimento prevedeva due fasce di aiuti, una da mille per i meno gravi e 1.800 per i casi più gravi. Poi di fronte a dubbi sulla legittimità della misura l’aiuto è stato uniformato a 1.500 euro per tutti i casi gravissimi.
Crocetta in merito alla questione ha detto: «Abbiamo già trasferito le somme alle Asp non possono registrarsi ritardi su questo fronte, i soldi ci sono e sappiamo anche chi sono i destinatari. Chiamerò uno a uno i direttori generali chiedendo di accelerare i pagamenti e di motivare eventuali ritardi».
Giuseppe Catalano ha spiegato ai giornalisti del Giornale di Sicilia: “Abbiamo dato sei mesi di tempo ci pare un tempo sufficiente per avviare i piani. Altrimenti se da ottobre non vedremo risultati siamo pronti ad avviare i ricorsi collettivi”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook