Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SEQUESTRATI A COSA NOSTRA BENI PER 1MLN E 600 MILA EURO

SEQUESTRATI A COSA NOSTRA BENI PER 1MLN E 600 MILA EURO

Sequestrati beni per circa un milione e 600mila euro tutti riconducibili a boss e gregari di Cosa nostra. Tra questi spicca il nome di Giovanni Bosco, ex reggente della famiglia mafiosa palermitana “Boccadifalco – Passo di Rigano”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SEQUESTRATI A COSA NOSTRA BENI PER 1MLN E 600 MILA EURO –

Su provvedimento della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale del capoluogo siciliano i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo hanno sequestrato beni per circa un milione e 600mila euro tutti riconducibili a boss e gregari di Cosa nostra. Tra questi spicca il nome di Giovanni Bosco, ex reggente della famiglia mafiosa palermitana di “Boccadifalco – Passo di Rigano”, in carcere per associazione mafiosa dal 2001. Le indagini, coordinate dalla Procura di Palermo, hanno permesso di appurare la partecipazione di Bosco a summit con boss del calibro di Giulio Caporrimo, Cesare Lupo, Antonino Sacco e Giuseppe Calascibetta, poi assassinato nel 2011. Gli accertamenti del G.I.C.O. di Palermo hanno, consentito anche di individuare altri soggetti responsabili di aver accumulato ingenti patrimoni illecitamente. Si tratta di Giacomo Vaccaro, Girolamo Celesia e Pietro Mansueto. Tra i beni sequestrati ci sono un ampio terreno con una costruzione in viale Regione Siciliana, di Mansueto; una società di distribuzione di bevande di Girolamo Celesia, un villino a Campofelice di Roccella (PA), riconducibile a Giacomo Vaccaro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook