Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TENTATO SEQUESTRO PESCHERECCIO DI MAZARA

TENTATO SEQUESTRO PESCHERECCIO DI MAZARA

Dalla motovedetta tunisina sarebbero stati sparati colpi d’arma da fuoco verso il peschereccio italiano che secondo l’armatore era in acque internazionali. Questa ennesima vicenda si aggiunge agli episodi dei pescherecci di Mazara del Vallo assaltati tra Libia e Tunisia.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

TENTATO SEQUESTRO PESCHERECCIO DI MAZARA –

Ieri sera, intorno alle 21 è stato aggredito il peschereccio «Aliseo», del compartimento marittimo di Mazara del Vallo. l’armatore Manuel Giacalone ha detto che si tratta di un tentativo di sequestro da parte dell’equipaggio di una motovedetta tunisina mentre si trovava in acque internazionali, a circa 30-35 miglia Nord-Est da Zarzis, non distante dal confine con la Libia. I tunisini avrebbero sparato colpi d’arma da fuoco verso il natante italiano che secondo l’armatore era in acque internazionali.
Giacalone spiega: «Il nostro peschereccio, che a bordo ha 11 uomini di nazionalità mista come dimostrano i tracciati del blue box si trovava in acque internazionali quando è stato preso d’assalto dalla motovedetta tunisina dalla quale sono stati sparati colpi di arma da fuoco. L’abbordaggio si è protratto per circa un’ora e per fortuna non ci sono stati feriti».
Dopo l’allarme lanciato dal peschereccio è arrivato nella zona di mare un elicottero della Marina militare italiana che ha consentito di sventare il tentativo di sequestro.
Il capitano dell’Aliseo, Domenico Ingargiola, ha spiegato ai militari della Marina italiana, giunti con una motovedetta, cosa sarebbe avvenuto. Il 2 agosto scorso, sempre a circa 30-35 miglia Nord-Est da Zarzis, una motovedetta militare tunisina aveva preso di mira un altro peschereccio mazarese, l’Anna Madre, che ieri sera ha rivissuto le fasi del tentativo di sequestro perchè si trovava nelle vicinanze dell’Aliseo. Il 3 agosto scorso era stato l’equipaggio dell’Aliseo a dare l’allarme per il tentativo di abbordaggio dell’Anna Madre. Inoltre, al comando generale delle capitanerie di porto la Marina militare tunisina avrebbe confermato il tentativo di sequestro del peschereccio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook