Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CONTROLLATI CHIOSCHI E BAR ILLEGALI ALLA PLAIA

CONTROLLATI CHIOSCHI E BAR ILLEGALI ALLA PLAIA

Multe e sanzioni per quattro locali dopo una operazione della polizia di Catania. Scoperti lavoratori in nero, e ancora, occupazione di suolo pubblico, alimenti congelati e non dichiarati, alcuni smaltivano persino oli e acque sporche in strada.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CONTROLLATI CHIOSCHI E BAR ILLEGALI ALLA PLAIA –

Su disposizione del Questore, gli agenti del commissariato Borgo-Ognina, del corpo forestale N.O.R. e della polizia municipale di Catania hanno controllato e multato quattro esercizi pubblici – tra ristoranti e bar – in viale Kennedy. Insomma, alla plaia di Catania è stato trovato un far west di chioschetti e ristoranti abusivi che operavano irrispettosi delle più elementari norme sulla sicurezza alimentare.
indagato per il reato di frode in commercio e occupazione illegale di suolo pubblico il titolare del primo locale. Inoltre durante i controlli sono stati trovati alimenti surgelati (40 chili) non contrassegnati come tali nel menù esposto al pubblico. Inoltre, senza autorizzazione, lo stesso aveva occupato con oltre 50 sedie, tavoli, una baracca in legno, sdraio e altro ancora, una vasta area di 450 metri quadrati. Sono state contestate anche violazioni legate alla sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro, nonché l’irregolarità di un lavoratore dipendente.
Il controllo della seconda attività ha suscitato particolare rilievo: un chiosco-bar-gastronomia. Nell’esercizio, anche in questo caso, sono state riscontrate l’occupazione illegale del marciapiede con sedie e tavoli e il reato di frode in commercio in quanto all’interno del congelatore sono stati trovati alimenti, pesce e carne, congelati e non indicati come tali nel menù, oltre ad essere privi di tracciabilità. Inoltre, durante il controllo è stato accertato l’impiego di lavoratore minorenne, 15 anni, addetto allo smaltimento dei rifiuti, fra l’altro conferiti al di fuori delle fasce orarie consentite. Il titolare, inoltre, non ha esibito l’autorizzazione per gli scarichi delle acque reflue e, per questo, oltre ad essere stato indagato per il reato ambientale di gestione illegale degli scarichi sul suolo, sono stati sequestrati i bagni e gli scarichi. Allo stesso è stato contestato il reato “abusivismo edilizio” per aver realizzato sul demanio pubblico un ampliamento con struttura inamovibile. Tutti i lavoratori presenti nell’attività sono risultati assunti in nero.
Ispezionato anche un ristorante, il cui titolare è stato indagato, per avere occupato senza autorizzazione amministrativa 185 metri quadrati di suolo pubblico riversando le acque sporche in un tombino pubblico fronte mare avvalendosi, a tal fine, di un tubo collegato alla sua attività illegale tra le acque smaltite accertata anche la presenza di oli e simili. Anche in questo caso sono scattati sequestri e denunce.
Denunciato per frode in commercio il titolare del quarto locale. Nel corso dei controlli sono state elevate sanzioni amministrative per diverse migliaia di euro. Sequestrato anche un ingente quantitativo di alimenti, inoltre è stato imposto ai titolari delle attività di ripristinare lo stato dei luoghi restituendo così alla cittadinanza quasi 800 metri quadri di spazio pubblico sottratto, spesso anche con ostacoli alla pubblica circolazione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook