Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CORALLO, RE DELLE SLOT ESTRADATO IN ITALIA

CORALLO, RE DELLE SLOT ESTRADATO IN ITALIA

Il catanese estradato in Italia è accusato di essere a capo di una grossa organizzazione specializzata nel riciclaggio di denaro evaso alle tasse. Era stato arrestato nelle Antille olandesi a dicembre del 2016.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CORALLO, RE DELLE SLOT ESTRADATO IN ITALIA –

Francesco Corallo, il catanese arrestato a Saint Martin (Antille Olandesi) il 13 dicembre 2016 nell’ambito dell’operazione ‘Rouge et Noir’ assieme al suo presunto braccio destro Rudolf Theodoor Anna Baetsen, oggi rientra in Italia all’aeroporto di Fiumicino, scortato da agenti del Servizio per la cooperazione internazionale di polizia (Scip) del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. L’uomo è accusato di essere il promotore di un’associazione a delinquere a carattere transnazionale specializzata nel riciclaggio di grosse somme di denaro ricavate dal mancato versamento delle imposte sugli introiti delle slot machine. Questo è quanto emerge da indagini effettuate dallo Scico della Guardia di Finanza di Roma con il coordinamento dello Scip.
Coordinata dalla Dda della Procura di Roma, l’operazione “Rouge et noir” ha fatto emergere un presunto sistematico riciclaggio dei proventi illeciti realizzato mediante numerosi trasferimenti di denaro all’estero al fine di eludere il pagamento dei tributi erariali con il coinvolgimento di personaggi noti del mondo politico ed economico italiano. Le operazioni illecite scoperte hanno fruttato all’organizzazione guadagni per oltre 200 milioni di euro.
A Corallo saranno contestualmente notificati, ad opera di militari dello Scico della Guardia di Finanza di Roma, numerosi decreti di sequestro di denaro, conti correnti, quote societarie, beni mobili ed immobili, anche siti all’estero, per un importo equivalente ai presunti illeciti guadagni ottenuti.
Dopo le formalità espletate negli uffici della Polizia di Frontiera ‘Aerea di Fiumicino’, Corallo, per il quale sono nel frattempo decorsi i termini di custodia cautelare secondo la normativa italiana, sarà sottoposto alle misure alternative alla detenzione dell’obbligo di dimora, dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e del divieto di espatrio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook