Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

INCHIESTA “12 APOSTOLI”, PARLA IL FIGLIO DELL’INDAGATO

INCHIESTA “12 APOSTOLI”, PARLA IL FIGLIO DELL’INDAGATO

Violenza sessuale ad Aci Bonaccorsi, Il figlio dell’indagato Daniele Capuana: «da anni la mia attività politica non ha più alcun legame con l'associazione», poi ribadisce: «Ho piena fiducia nell'operato della magistratura - E' già difficile essere il figlio del principale indagato».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

INCHIESTA “12 APOSTOLI”, PARLA IL FIGLIO DELL’INDAGATO –

«Trovo ingiusto essere stato tirato in ballo dai mass media in una vicenda già per me molto difficile a causa della mia parentela con il principale indagato. Come cittadino credo nella giustizia e credo anche che le uniche sedi in cui debba essere giudicata l’innocenza o la colpevolezza di un individuo siano esclusivamente i Tribunali». Lo afferma Daniela Capuana, ex assessore dell’ex Provincia di Catania, sull’inchiesta ’12 apostoli’ in cui il padre Pietro è indagato per violenza sessuale su minorenni. «Ho piena fiducia nell’operato della magistratura – aggiunge Daniele Capuana – oggi come ieri. Ribadisco infine quanto già espresso dalla Procura, ovvero di essere del tutto estraneo ai fatti oggetto delle indagini, tanto più che da anni la mia attività politica non ha più alcun legame con l’associazione. Da allora infatti ho scelto di continuare autonomamente la mia vita politica. Ho già incaricato il mio legale – annuncia infine Capuana – di valutare ogni azione per tutelare nelle sedi opportune la mia immagine e i miei diritti finora ingiustamente e gravemente lesi”. (ANSA).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook