Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ARRESTATO SCIPPATORE SERIALE A PATERNÒ

ARRESTATO SCIPPATORE SERIALE A PATERNÒ

Aggrediva con violenza le sue vittime prevalentemente signore anziane, a tradirlo l'immagine di Santa Rita in mostra nella sua auto rubata a una donna.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ARRESTATO SCIPPATORE SERIALE A PATERNÒ –

Arrestato dai carabinieri di Paternò uno scippatore seriale catanese che terrorizzava anziane signore. Si tratta del ventunenne Salvatore Giuliano Cunsolo su cui pendevano quattro denunce presentate nel marzo 2017 per furti con strappo. All’interno delle borse rapinate alle donne a Paternò, contenevano oltre ai documenti, bancomat e oggetti personali, anche somme in contanti fino a 200 euro. le vittime, in due episodi diversi, oltre al furto hanno subito gravi lesioni. Una anziana di 82 anni in particolare le ha procurato «un trauma contusivo alla spalla sinistra in assenza di lesioni ossee traumatiche e un trauma alla spalla destra sede di pregresso intervento chirurgico” e un’altra di 68 anni “una frattura tra collo e omero sinistro».
I sistemi di videosorveglianza hanno permesso di acquisire le immagini necessarie per risalire alla vettura, una Fiat Punto usata dal Cunsolo per fuggire, a bordo della quale è stata trovata parte della refurtiva. All’interno è stata trovata anche un’immagine di Santa Rita, con relativa custodia di colore marrone, rubata a una delle donne. Durante una perquisizione effettuata nell’abitazione del Cunsolo sono stati rinvenuti gli abiti indossati durante le aggressioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook