Archiviato in | Politica, Politica Regionale

RISCOSSIONE SICILIA IN LIQUIDAZIONE, SALTA FIUMEFREDDO

RISCOSSIONE SICILIA IN LIQUIDAZIONE, SALTA FIUMEFREDDO

L'Ars sopprime l'agenzia che riscuote le tasse nell'Isola, la Regione avvierà la procedura di liquidazione. L'amministratore replica: «Punito perché ho toccato la casta - Una fatwa, lascio la società in attivo dopo 21 anni».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RISCOSSIONE SICILIA IN LIQUIDAZIONE, SALTA FIUMEFREDDO –

Votata in aula la soppressione di Riscossione Sicilia però con una operazione pilotata con calma. Salta subito invece l’amministratore unico Antonio Fiumefreddo. Applicata una “norma-compromesso” concordata ieri durante una pausa dei lavori dell’Ars e contestata dal M5s, dopo che il governo Crocetta era stato battuto, col voto segreto, su un emendamento che sopprimeva l’articolo inserito nella cosiddetta ‘finanziaria bis’ il quale prevedeva l’immediata liquidazione di Riscossione Sicilia.
La norma approvata dall’assemblea prevede l’avvio delle procedure di liquidazione della società ma da’ tempo alla Regione fino al 31 dicembre del 2018. Probabilmente entro quella data dovrà essere stipulata un’apposita convenzione con il ministero dell’Economia «che assicuri il mantenimento dei livelli occupazionali del personale con contratto a tempo indeterminato in servizio a far data 31 dicembre 2016». Infatti, in Riscossione lavorano circa 700 persone.
Questa mattina il consesso regionale tornerà a riunirsi per definire la parte che riguarda proprio la ricollocazione dei dipendenti.
La norma prevede inoltre che «l’incarico di componente del consiglio di amministrazione non può essere conferito a coloro i quali abbiano svolto, nei cinque anni antecedenti, funzioni e compiti di amministratore nella società».
Pronta la replica dell’amministratore Antonio Fiumefreddo, che evidenzia i risultati positivi raggiunti dalla sua gestione e dice: «Il voto segreto come il passamontagna, per consumare una vendetta pianificata da tempo. Un agguato voluto per punire chi ha osato fargli notare che la legge si applica anche a loro. Lascio Riscossione in attivo, avendola risanata dopo 21 anni di perdite e avendo dimostrato che non ci sono santuari da proteggere». Continua ancora: «L’Ars ha varato una legge contra personam, una fatwa, avrebbero potuto semplicemente scrivere: Fiumefreddo deve andar via – attacca l’amministratore unico – Naturalmente, è enorme il danno arrecato ai siciliani che regaleranno a Roma circa 1 miliardo di euro l’anno. Il Palazzo è abitato da marziani, nemici dei cittadini, che cercano solo camerieri. Ho cercato di servire la mia terra con onestà e continuerò a farlo non rinunciando a lottare un sistema violento ed inadeguato. L’afa uccide solo d’estate».
Stop a Fiumefreddo il cui rapporto con l’Assemblea si era incrinato dopo la pubblicazione sulla stampa dei parlamentari morosi col Fisco. Da allora c’è sempre stato un clima di tensione attorno all’amministratore di Riscossione e l’unico a difendere a spada tratta l’operato di Fiumefreddo era stato il governatore Rosario Crocetta che l’ha voluto, e poi lo ha riconfermato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook