Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PIZZO AD ALLEVATORE DEI NEBRODI

PIZZO AD ALLEVATORE DEI NEBRODI

Sono finiti in manette due pregiudicati catanesi legati al clan Mazzei. I due avevano preso di mira un allevatore di Cerami che taglieggiavano.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PIZZO AD ALLEVATORE DEI NEBRODI –

Arrestati dai Carabinieri del Comando provinciale di Enna e Catania, due pregiudicati catanesi, appartenenti alla famiglia mafiosa dei Mazzei. I due sono accusati di aver taglieggiato con continue richieste estorsive un allevatore della provincia di Enna, titolare di aziende nel Parco dei Nebrodi.
L’indagine è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Caltanissetta e condotta dai Carabinieri della compagnia di Nicosia che seguivano il caso dallo scorso mese di giugno.
I destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere sono Carmelo Pantalena, 44 anni, e Sebastiano Sudano, 38 anni, di Raddusa. Gli indagati erano già stati sottoposti ad un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura nissena lo scorso 24 luglio perchè accusati di estorsione aggravata e continuata in concorso, con l’aggravante di avere agito con metodo “mafioso” e al fine di agevolare il clan mafioso Mazzei di Catania.
L’indagine, è stata avviata nel giugno 2017 e condotta dai carabinieri della Compagnia di Nicosia, ha consentito di accertare che un allevatore di Cerami (En), il quale operava nel parco dei Nebrodi, aveva ricevuto minacce e pressioni affinché pagasse il pizzo: in soldi o animali. Se non avesse acconsentito a tale richiesta avrebbe ricevuto gravi ritorsioni. L’epilogo dell’operazione ha fatto si che Pantalena e Sudano sono stati arrestati e tradotti nel carcere di Bicocca a Catania.
Saputa la notizia il presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci ha espresso soddisfazione per la riuscita operazione: «Il mio plauso alle operazioni condotte dalla Dda di Caltanissetta e dai carabinieri della compagnia di Nicosia. Tutto questo è il frutto di un nuovo clima di fiducia nel territorio dei Nebrodi: lo Stato c’è e va avanti. Siamo accanto agli allevatori, agli operatori economici, a tutti i cittadini che denunciano estorsioni nel comune interesse del ripristino della legalità».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook