Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FATTURE FALSE, 9 INDAGATI A CATANIA SEQUESTRATI 7 MLN DI EURO

FATTURE FALSE, 9 INDAGATI A CATANIA SEQUESTRATI 7 MLN DI EURO

Le fatture false avrebbero consentito di realizzare un’evasione fiscale milionaria. Questa è una delle accuse contestate a nove persone che risultano indagate in un’inchiesta della Guardia di Finanza che ha effettuato il sequestro di circa 7 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FATTURE FALSE, 9 INDAGATI A CATANIA SEQUESTRATI 7 MLN DI EURO –

Evasione fiscale milionaria dovuta a fatture false. Questa è una delle accuse contestate a nove persone che risultano indagate. L’inchiesta è stata condotta dalla Guardia di finanza di Catania e coordinata dalla Procura etnea. Gli accertamenti hanno portato al sequestro di conti correnti e beni immobili, per un controvalore di circa 7 milioni di euro. Per quanto riguarda il sequestro di oltre due milioni di euro pari alle imposte che sarebbero state evase, tra i destinatari del provvedimento figurano Barbara Prezzavento (cl.1964) e Consolato Pellegrino (cl.1955). Questi ultimi, nella loro qualità di amministratori di imprese che gestivano un supermercato a marchio Eurospin, anche se viene precisato che la catena di supermercati Eurospin e la società che gestisce il marchio, Eurospin Sicilia, sono estranee alla vicenda giudiziaria.
Tra i denunciati anche un ex dipendente comunale, Stefano Compagnini (cl.1952), che sarebbe stato l’amministratore di una serie di imprese intestate a prestanome quali Carmelo Scariolo (cl. 1950) e Maria Grazia Giuseppina Barbagallo (Cl. 1955), Concetto Tasco (c.. 1989), i quali avrebbero emesso le fatture per servizi di pulizia e disifestazione che secondo gli investigatori non sarebbero mai avvenuti. A Compagnini le fiamme gialle hanno sequestrato oltre due milioni e mezzo di euro. Anche altre imprese avrebbero beneficiato delle fatture emesse dalle società riconducibili all’ex impiegato comunale, tra le quali l’azienda di stoccaggio di rifiuti, il cui rappresentante legale è destinatario di un sequestro di importo di 730mila euro, una tabaccheria e un negozio all’ingrosso di materiale elettrico.
Il sequestro operato dai militari del nucleo di polizia tributaria nasce da una verifica fiscale avviata nei confronti di una delle due imprese che gestivano un supermercato. Secondo quanto scoperto dai finanzieri alcune imprese avrebbero stipulato dei falsi contratti di locazione per un capannone di loro proprietà che nono sarebbe mai stato utilizzato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook