Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GUERRA DEL PESCE, PESCHERECCI ASSALTATI CON ARMI DA FUOCO

GUERRA DEL PESCE, PESCHERECCI ASSALTATI CON ARMI DA FUOCO

Pioggia proiettili contro le barche siciliane, due pescherecci di Mazara del Vallo assaltati al confine tra Libia e Tunisia. Un elicottero militare italiano è intervenuto scongiurando il peggio. Tumbiolo: «E’ la solita guerra del pesce. Scontro che dura da 50 anni».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

GUERRA DEL PESCE, PESCHERECCI ASSALTATI CON ARMI DA FUOCO –

Assaltati da un’imbarcazione armata al largo di Zarsis, si tratta di due pescherecci di Mazara del Vallo, “Aliseo” e “Anna Madre”. Le barche da pesca sarebbero state attaccate, al confine tra la Libia e Tunisia, mentre si trovavano in acque internazionali.
Secondo quanto riferito del presidente del Distretto della pesca, Giovanni Tumbiolo, l’intervento simultaneo di un elicottero militare italiano e di un’unità navale della marina tunisina, hanno allontanato l’imbarcazione a quanto pare appartenente alle autorità doganali tunisine ha permesso di scongiurare il peggio.
Il fatto è avvenuto ieri sera all’imbrunire, sarebbe legato alla cosiddetta “guerra del pesce” che intercorre ormai da lungo tempo o potrebbe anche inserirsi nel clima di tensione che accompagna la missione italiana in Libia per fronteggiare l’emergenza immigrazione.
Dall’imbarcazione sono stati esplosi alcuni colpi d’arma da fuoco all’indirizzo dei due pescherecci che hanno subito dato l’allarme via radio. L’intervento contemporaneo dell’elicottero italiano e dell’unità militare tunisina ha costretto gli aggressori a desistere dall’assalto. Sempre Tumbiolo ha detto: «Proviamo indignazione e sgomento per quanto accaduto, un ulteriore episodio di una guerra del pesce che dura da oltre 50 anni e mette a repentaglio l’incolumità dei nostri pescatori».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook