Archiviato in | Spettacolo, Teatro

NOVELLE DI PIRANDELLO, ANCORA SUCCESSO PER L’ULTIMO SPETTACOLO

NOVELLE DI PIRANDELLO, ANCORA SUCCESSO PER L’ULTIMO SPETTACOLO

Giorgia Boscarino, Alessandra Costanzo, Silvio Laviano, Gaia Lo Vecchio, Liborio Natali, Giampaolo Romania e lo stesso Angelo Tosto interpreti sul proscenio del Castello Ursino con l’ultimo appuntamento con le novelle di Luigi Pirandello, Lumie di Sicilia e Galletti nel Bottaio.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

NOVELLE DI PIRANDELLO, ANCORA SUCCESSO PER L’ULTIMO SPETTACOLO –

Ieri sera e fino a giovedì 3 agosto gli attori dello Stabile: Giorgia Boscarino, Alessandra Costanzo, Silvio Laviano, Gaia Lo Vecchio, Liborio Natali, Giampaolo Romania e lo stesso Angelo Tosto interpreti sul proscenio del Castello Ursino con l’ultimo appuntamento con le novelle di Luigi Pirandello, Lumie di Sicilia e Galletti nel Bottaio.
Angelo Tosto regista e instancabile “capocomico” ci racconta: “Sono due mesi che non dormiamo per il caldo e per le prove di queste cinque ore di spettacolo che sono state le più belle e le più terribili ‘prove’ di resistenza che si possano chiedere a degli attori ormai in via di estinzione. Speriamo di rivederci nel prossimo autunno con uno spettacolo modulato a teatro. Abbiamo inserito circa 100 minuti di improvvisazione tra lazzi scherzi e verità su come si monta uno spettacolo teatrale. Con Alessandra Costanzo abbiamo trovato il filone della morte del bancomat, della carta di credito e di tutti i pin che nascono e muoiono con noi e il nostro conto in banca. Pirandello se ci fosse stato oggi l’avrebbe messo in scena. Che dire… abbiamo riempito i posti a sedere del Castello Ursino, che ci ha degnamente ospitato, e un gruppo nutrito di spettatori è venuto a vederci tutte e cinque le volte. Non ci hanno buttato pomodori e altri ortaggi segno che siamo piaciuti. Le ultime due novelle sono Lumie di Sicilia e i Galletti del Bottaio. Una triste e l’altra allegra.

Più o meno abbiamo impostato gli spettacoli così: vogliamo che il nostro pubblico torni a casa contento con una riflessione in più di quanto era partito.  Un pubblico che si porti qualcosa un’idea, un pensiero, una smorfia, un sorriso. A cosa serve il teatro se non a creare scompiglio movimento cambiamento di prospettiva e di pensiero?». I galletti del bottaio, l’ultimo racconto, ci appare, proprio, così burlesco sia nella recitazione che nei costumi medievali tanto da ricordarci una delle novelle del Boccaccio. La furbizia di una moglie che decide in maniera furtiva di porre fine alla candida generosità di un marito smarrito e sempliciotto: era forse questa l’ultima lezione che voleva lasciarci la truppa dello Stabile?

Susanna Basile

Servizio video e montaggio Paolo Zerbo

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook