Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ABUSI SU MINORENNI E RITI RELIGIOSI, 4 ARRESTI

ABUSI SU MINORENNI E RITI RELIGIOSI, 4 ARRESTI

Blitz all’interno di una comunità spirituale formata da 5mila persone, si presume che i reati siano stati commessi all'interno del gruppo, fondato da un sacerdote deceduto.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ABUSI SU MINORENNI E RITI RELIGIOSI, 4 ARRESTI –

Sono state arrestate quattro persone con l’accusa di atti di violenza sessuale commessi su minorenni all’interno di una comunità religiosa che ‘giustificavano’ gli abusi come azioni mistiche spirituali. E’ quanto emerge dall’operazione ’12 apostoli’ della Polizia postale di Catania, coordinata dalla Procura distrettuale etnea, che ha controllato una comunità di circa 5mila persone fondata da un sacerdote deceduto. Il gip ipotizza i reati di associazione per delinquere e violenza sessuale aggravata ai danni di minorenni.
Le manette sono scattate per il presunto ‘santone’ della comunità che non è un religioso e tre collaboratrici dell’uomo. Dalle indagini del compartimento Sicilia orientale della Polizia postale è emerso che l’indagato avrebbe abusato di minorenni per ‘purificarle’ e ‘iniziarle’ alla vita spirituale, mentre le tre donne, secondo l’accusa, avevano il ruolo di plagiarle per convincere le vittime a subire la violenza sessuale facendo credere loro che fossero ‘azioni mistiche spirituali, aventi valenza religiosa’.
Gli arrestati sono: Pietro Capuana di 73 anni, che per circa 25 anni ha diretto la comunità ‘Cultura e Ambiente’ di Aci Sant’Antonio considerata una vera e propria setta che è stato tradotto in carcere; le tre donne poste ai domiciliari sono: Fabiola Raciti di 55 anni, Rosaria Giuffrida di 57 e Katia Scarpignato di 48 anni.
L’inchiesta guidata dal procuratore della Repubblica Carmelo Zuccaro, dall’aggiunto Marisa Scavo e dal sostituto Laura Garufi e affidata al compartimento della Polizia postale e delle comunicazioni guidata da Marcello La Bella, è stata avviata in seguito alla denuncia dettagliata della mamma di una ragazzina finita nel giro della setta religiosa di Aci Sant’Antonio. E’ stata lei a consegnare agli 007 della polizia uno smartphone con delle conversazioni in chat che evidenziavano le intenzioni degli organizzatori religiosi che chiedevano alle ragazzine avvicinate di scrivere delle lettere contenenti dichiarazioni d’amore nei confronti di Capuana. Proprio da queste sono iniziate delle intercettazioni telefoniche e di tipo tradizionale nel cenacolo, dove si riunivano tutti gli adepti. Gli abusi sessuali su minorenni, ma anche maggiorenni, sarebbero stati perpetrati per venticinque anni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook