Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ABUSA DI MINORE ALLA VILLA BELLINI

ABUSA DI MINORE ALLA VILLA BELLINI

Un pensionato ha trascinato il minorenne nel bagno delle donne dove ha approfittato di lui. Successivamente è stato è stato identificato grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza. In seguito all’ordinanza del Gip del tribunale di Catania gli agenti lo hanno arrestato e tradotto in carcere.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ABUSA DI MINORE ALLA VILLA BELLINI –

Un pensionato di 67 anni, incensurato è stato arrestato dalla squadra mobile della Questura di Catania in esecuzione di un’ordinanza del Gip per violenza sessuale aggravata. L’uomo avrebbe abusato di un ragazzino 16enne nei bagni pubblici della Villa Bellini, giardino comunale di Catania.
L’aggressione è avvenuta alla fine dello scorso mese di maggio: l’uomo ha bloccato il ragazzo, l’ha trascinato nel bagno delle donne dove ha approfittato di lui. Le indagini sono state avviate dopo la denuncia del padre del minorenne. Il presunto aguzzino è stato identificato anche grazie alle immagini registrate da sistemi di video-sorveglianza. L’indagato, dopo la notifica del provvedimento restrittivo, è stato tradotto nel carcere di piazza Lanza di Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook