Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MIGRANTI, SCHULTZ E MINNITI VISTANO CENTRO MINORI DI CATANIA

MIGRANTI, SCHULTZ E MINNITI VISTANO CENTRO MINORI DI CATANIA

Il candidato alla Cancelleria tedesca Schultz e il ministro Minniti visitano un centro per minori non accompagnati: «Grati ai siciliani per il lavoro svolto in questi anni».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MIGRANTI, SCHULZ E MINNITI VISTANO CENTRO MINORI DI CATANIA –

L’ex presidente del Parlamento europeo e candidato alla Cancelleria tedesca Martin Schultz, che insieme al ministro dell’Interno Marco Minniti nel pomeriggio hanno visitato un centro d’accoglienza per minori non accompagnati del capoluogo etneo.
Minniti nel suo intervento ha detto che: «la partita del controllo dei flussi demografici è una partita che nessuno può giocare da solo e nella quale nessuno può essere lasciato solo». Poi ha aggiunto: «Colgo l’occasione per ringraziare Catania per lo straordinario lavoro fatto in questi anni sul territorio. Noi siamo molto grati ai catanesi, ai siciliani e lo siamo per la capacità di mettere in campo un centro di accoglienza che tiene insieme umanità e anche possibilità di inserire le persone che arrivano in un contesto di accoglienza, di amicizia di affetto, di operosità». Sempre il ministro ha evidenziato che i migranti minori non accompagnati in Italia sono più di 25mila. Il Parlamento nelle scorse settimane ha approvato una legge che il ministro Minniti considera: «un riferimento importante. Non soltanto per il nostro Paese, ma che va anche oltre i nostri confini».
Prima di arrivare nella struttura d’accoglienza, Schultz è salito a bordo del pattugliatore Diciotti della Guardia costiera in compagnia del sindaco di Catania Enzo Bianco, e dell’ammiraglio Nunzio Martello, poi si è soffermato alcuni istanti a parlare con un ragazzo subsahariano ospite della struttura, e si è informato sulle attività svolte all’interno della comunità.
L’ex presidente del parlamento europeo ha sottolineato che in Europa vale ancora il regolamento di Dublino 2, e: «quindi i Paesi di frontiera in cui arrivano i migranti li devono accogliere. Ma tutti i Paesi europei devono collaborare, ricollocando urgentemente chi arriva, ma questo finora non avviene».
Il sindaco di Catania Enzo Bianco, ha citato il passaggio del tedesco Goethe in Sicilia, poi rivolgendosi all’ex presidente del Parlamento europeo ha chiesto che la Germania: “non volti le spalle a questo fenomeno epocale, nuovo, eppure antichissimo, stando al nostro fianco nel far comprendere a tutti che qui si sta scrivendo, ancora una volta, la storia dell’uomo. Aiuti la Sicilia a reggere le bandiere della civiltà, dell’umanità, della pace». Dopo, la visita al cimitero di Catania dove sono tumulati migranti vittime dei naufragi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook