Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

COSTRINGEVA LA MOGLIE A RUBARE E PROSTITUIRSI, ARRESTATO

COSTRINGEVA LA MOGLIE A RUBARE E PROSTITUIRSI, ARRESTATO

Sono scattate le manette per un cinquantenne romeno che con percosse e minacce alla moglie pretendeva l'80% dell'incasso. La vittima stremata dalle violente vessazioni lo ha denunciato.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

COSTRINGEVA LA MOGLIE A RUBARE E PROSTITUIRSI, ARRESTATO –

Istigava e costringeva la moglie di 37 anni, madre dei loro due figli, di 5 e 9 anni a rubare nei centri commerciali e a prostituirsi nella zona industriale di Catania. Inoltre vessava la vittima con il ricorso a minacce e percosse. L’incasso, che non doveva essere inferiore a una cifra prestabilita, veniva così ripartito: l’ottanta per cento all’uomo e il restante 20% alla donna, che doveva usarlo per sostenere la famiglia.
Gli investigatori hanno accertato anche diversi referti medici di ospedali di Catania sulle lesioni riportate negli anni dalla donna e le indagini sono state avviate dopo la denuncia della vittima, romena, all’ufficio ‘fasce deboli’ aperto da circa un anno dai militari dell’Arma a Catania. I due bambini sono stati trasferiti in una struttura protetta dove poi li ha raggiunti la madre.
Per questi motivi il marito-aguzzino anche lui romeno di 50 anni è stato arrestato dai carabinieri della stazione Piazza Verga in esecuzione di un’ordinanza del Gip, su richiesta della Procura, che ne ha disposto gli arresti domiciliari.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook