Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SEQUESTRATI 4MILIONI DI BENI AI NIZZA

SEQUESTRATI 4MILIONI DI BENI AI NIZZA

Operazione antimafia condotta dal personale della Dia, colpiti esponenti del gruppo mafioso che operavano a Librino, e che avevano esteso i loro traffici anche in Europa.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SEQUESTRATI 4MILIONI DI BENI AI NIZZA –

Operazione della Direzione investigativa antimafia (Dia) di Catania, diretta da Renato Panvino, in sinergia con la Procura etnea, diretta dal Carmelo Zuccaro, stanno portando a termine un decreto di sequestro emesso dal Tribunale nei confronti dei vertici del clan Nizza affiliato alla famiglia mafiosa di Cosa nostra Santapaola-Ercolano, attivo nell’area di Librino con diramazioni nel nord Italia e in Europa. Egemonia, quella dei Nizza, che si è frantumata grazie alle inchieste della magistratura e al pentimento del fratello maggiore. Fabrizio Nizza ha fornito un importante contributo alle indagini che hanno incastrato Andrea, uno tra i ricercati più importanti, latitante nella Sicilia orientale, condannato a 70 anni di carcere per omicidio, droga e armi.
I destinatari del provvedimento di oggi hanno subito, a vario titolo, condanne in primo e secondo grado per associazione mafiosa, estorsioni, traffico di sostanze stupefacenti, omicidi e detenzione illegali di armi da guerra.
Quindi, il sequestro del tesoro dei Nizza di oggi, signori indiscussi della spaccio di droga, comprende quattordici tra appartamenti e ville con piscina, conti correnti e autovetture per un valore di 4milioni di euro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook