Archiviato in | Spettacolo, Teatro

PIRANDELLO E NOVELLE, ‘LA PATENTE’ E ‘LA VIVA E LA MORTA’

PIRANDELLO E NOVELLE, ‘LA PATENTE’ E ‘LA VIVA E LA MORTA’

Quarto appuntamento con “Novelle per un anno” dal 25 al 27 luglio al Castello Ursino con una produzione del Teatro Stabile di Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PIRANDELLO E NOVELLE, ‘LA PATENTE’ E ‘LA VIVA E LA MORTA’ –

Quarto appuntamento con “Novelle per un anno” dal 25 al 27 luglio al Castello Ursino con il Teatro Stabile di Catania e gli attori Giorgia Boscarino, Alessandra Costanzo, Silvio Laviano, Gaia Lo Vecchio, Liborio Natali, Giampaolo Romania e Angelo Tosto nel doppio ruolo di regista. Si tratta di una messa in scena molto originale dove gli attori a turno leggono o recitano i ruoli che vengono assegnati in maniera visibile agli spettatori coinvolti a loro volta nella costruzione dello spettacolo. Spesso, durante la recitazione si è potuto notare una mescolanza di tecnica e improvvisazione. Nel caso delle novelle di Pirandello dove il testo è già pronto per essere interpretato, la genialità della produzione di queste rappresentazioni dello Stabile coinvolge gli spettatori che parteggiano ora per uno o per l’altro personaggio rendendo partecipi i presenti. Molti critici letterari hanno paragonato Pirandello a Shakespeare come scrittore, ma si direbbe che i due avessero più similarità come capo comici di compagnia di Teatro dell’Arte, abituati a scrivere canovacci imbastiti di dettagli costruiti sui personaggi, che accennano solo all’evento coinvolgente e lasciando le emozioni agli interpreti così come un gioco, come una figurazione: in fondo anche la vita si prospetta come è una sorta di rappresentazione.

La prima novella narrata, “La Patente”: dove il protagonista indiscusso è il signor Chiàrchiaro (Angelo Tosto) infelice uomo a cui la nomea di iettatore ha rovinato la vita. Il giudice D’Andrea (Giampaolo Romania) colui che dovrebbe concedergli la patente è la vera vittima della situazione: è anche l’unico che gli vuole bene e che vorrebbe salvarlo da questa sorta di linciaggio sociale, da questa anomia emozionale. Ma alla fine anche lui cederà alla diceria, quando un pezzo della scenografia salta all’aria, soccombe e gli concede la patente come unica salvezza dalla propria emarginazione sociale. Ben più allegro ed esilarante è ‘La viva e la morta’ dove il protagonista padron Nino Mo (Silvio Laviano) marinaio e navigatore provetto si trova a rispondere di bigamia autorizzata dalla legge finendo per riconoscere le due mogli, una viva e una morta come bizzarria di un dono divino.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook