Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DOCENTI SICILIANI DEPENNATI RIAMMESSI DAL CONSIGLIO DI STATO

DOCENTI SICILIANI DEPENNATI RIAMMESSI DAL CONSIGLIO DI STATO

Disposto dal Consiglio di Stato il reinserimento nelle graduatorie ad esaurimento di circa ottanta docenti siciliani. Gli aspiranti insegnanti erano stati depennati per non aver presentato domanda di aggiornamento del punteggio.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DOCENTI SICILIANI DEPENNATI RIAMMESSI DAL CONSIGLIO DI STATO –

Il Consiglio di Stato ha emesso un’importante ordinanza che è stata depositata ieri, disponendo il reinserimento nelle graduatorie ad esaurimento di circa ottanta docenti siciliani che erano stati depennati per non aver presentato domanda di aggiornamento del punteggio.
La regola prevista dal Ministero dell’Istruzione prevedeva, infatti, che in caso di mancata presentazione della domanda del docente per l’aggiornamento della propria posizione in graduatoria, sarebbe derivato il depennamento dalla stessa, senza prevedere però alcuna possibilità di reinserimento, sebbene la legge lo prevedesse.
I ricorrenti avevano ottenuto una serie di pronunce negative come ad esempio, il Tar Lazio aveva ritenuto legittimo l’operato del Ministero tuttavia, accogliendo il ricorso in appello proposto dai legali catanesi Dino Caudullo e Salvatore Spataro, il Consiglio di Stato ha sospeso la decisione del Tar disponendo il reinserimento dei docenti nelle graduatorie dalle quali erano stati depennati, ritenendo l’appello assistito da “consistenti elementi di fondatezza”.
l’avvocato Caudullo ha evidenziato che: «Si tratta di una pronuncia particolarmente importante viste le ricadute occupazionali che ne deriveranno per i ricorrenti che, ingiustamente, erano stati espulsi dal mondo della scuola». Anche quest’anno il Ministero ha riproposto un provvedimento analogo a quello censurato dai Giudici di Palazzo Spada, avverso il quale certamente verranno avviati ulteriori ricorsi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook