Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA, SEQUESTRI ALLA FIERA DOPO I TAFFERUGLI

CATANIA, SEQUESTRI ALLA FIERA DOPO I TAFFERUGLI

Il Comune di Catania dopo gli scontri tra ambulanti risponde con un'operazione antiabusivismo. Il sindaco Bianco fiducioso sul ripristino dell’ordine.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA, SEQUESTRI ALLA FIERA DOPO I TAFFERUGLI –

Il Comune di Catania dopo gli scontri tra ambulanti della fiera ha condotto un’operazione antiabusivismo nel mercato di piazza Carlo Alberto effettuata da vigili urbani e polizia. Un notevole schieramento di uomini che dalle prime ore del mattino hanno svolto una serie di controlli.
Otto i sequestri, per un totale di oltre 2.700 pezzi tra scarpe, orologi e borse. Fermati un italiano per il rifiuto di comunicare le proprie generalità e un senegalese per contraffazione.
Dall’amministrazione comunale una nota spiega che: «L’intervento scaturisce dalla precisa direttiva del sindaco Enzo Bianco, che punta al ripristino dell’ordine e della legalità dopo i fatti dei giorni scorsi la cui causa principale risiede nella conflittualità tra venditori senegalesi e italiani».
Il primo cittadino evidenzia che: «la fiera sta attraversando una importante fase di riorganizzazione per consentire condizioni di maggiore vivibilità sia per i residenti sia per gli operatori commerciali. Grazie anche a questa riorganizzazione sarà possibile individuare meglio le sacche di abusivismo e illegalità e intervenire per eliminarle».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook