Archiviato in | Cronaca Regionale

PIRANDELLO: IN SCENA ‘LA MOSCA’ E ‘IL TRENO HA FISCHIATO’ – INTERVISTE

PIRANDELLO: IN SCENA ‘LA MOSCA’ E ‘IL TRENO HA FISCHIATO’ – INTERVISTE

Continua la rassegna “Estate in Città”, organizzata dal Comune di Catania al Castello Ursino. In scena le Novelle di Luigi Pirandello: ‘La mosca’ e ‘Il treno ha fischiato’.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PIRANDELLO: IN SCENA ‘LA MOSCA’ E ‘IL TRENO HA FISCHIATO’ – INTERVISTE

Continua la rassegna “Estate in Città”, organizzata dal Comune di Catania. La sede prescelta è la straordinaria sala della corte medievale del Castello Ursino che si trova in Piazza Federico di Svevia, dove dal 4 luglio al 3 agosto andranno in scena a cura del Teatro Stabile di Catania ‘Novelle per un anno’. Ieri sera è stata rappresentata e fino al 20 luglio alle ore 21.00: La mosca e Il treno ha fischiato.  Sul palco solcato da libri di poesie, gli attori presenti (Giorgia Boscarino, Alessandra Costanzo, Silvio Laviano, Gaia Lo Vecchio, Liborio Natali, Giampaolo Romania, Angelo Tosto) si sono scambiati letture di famose poesie cantando canzoni alla moda dedicate al mare, fino alla recita della nota poesia ‘Infinito’ di leopardi. Poi, arrivano i copioni dal ciel volando, il primo dedicato a ‘la mosca’ dove la scenografia sembra rappresentare un presepio dove la protagonista è una mula (asina).

Notevoli gli effetti scenici e inframezzi quali “un’affascinante morte del Bancomat e Carta di credito” a cura di una strepitosa Alessandra Costanzo, una messa in scena tanto palesata dal regista Angelo Tosto ottimo pater familias sul palco da cui tutto parte e a cui tutto fa ritorno. E’ il momento de ‘Il treno ha fischiato’. Protagonista indiscusso Giampaolo Romania in arte Belluca: “Assorto nel continuo tormento della sua sciagurata esistenza, tutto il giorno immerso nei conti del suo ufficio, senza mai un momento di respiro, come una bestia bendata aggiogata alla stanga di una ‘nòria’ o di un molino – sissignori s’era dimenticato da anni e anni, ma proprio dimenticato che il mondo esisteva”.  Improvvisamente il cervello di Belluca “di buono a buono” esplode in un fischio di treno, dove la sua fantasia comincia a vagare e a farneticare. Psicologicamente si chiama distacco dalla realtà, forse diniego e sublimazione della sua assurda allucinante condizione. Le prossime novelle dal 25 al 27 luglio ‘La Patente’ e ‘La vita e la morte’.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook