Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DECAPITATA COSCA DI BRANCACCIO 34 ARRESTI IN TUTTA L’ITALIA

DECAPITATA COSCA DI BRANCACCIO 34 ARRESTI IN TUTTA L’ITALIA

Azzerato il clan di Brancaccio guidato da boss che governavano la cosca dai domiciliari. Trentaquattro arresti a Palermo e in altre regioni, il capo era Pietro Tagliavia. In manette anche il fratello di Giovanni Lo Porto, operatore umanitario ucciso da un drone Usa. Le indagini hanno permesso di ricostruire affari illeciti ed estorsioni ma anche risalire a tutte le imprese di proprietà della cosca da Palermo alla Toscana.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DECAPITATA COSCA DI BRANCACCIO 34 ARRESTI IN TUTTA L’ITALIA –

Operazione congiunta di Polizia e Guardia di finanza di Palermo che hanno arrestato 34 persone in Sicilia, Toscana, Lazio, Puglia, Emilia Romagna e Liguria. Decapitata l’organizzazione di mafiosi della cosca di Brancaccio e loro complici. Sequestrate numerose aziende, per un valore complessivo di circa 60 milioni di euro. Nel blitz è stato condotto in carcere Pietro Tagliavia, capo del mandamento mafioso di Brancaccio e della famiglia di ”Corso dei Mille”, che si trovava ai domiciliari.
Gli investigatori hanno individuando i capi della cosca di Brancaccio e scoperto ripetuti episodi di minacce, danneggiamento, estorsione, furto e detenzione illegale di armi da parte di esponenti dell’organizzazione. Inoltre hanno ricostruito l’organigramma delle famiglie mafiose che appartengono al mandamento, definendo ruoli e competenze di ciascuno.
Le indagini hanno permesso di svelare il controllo, da parte della mafia, di un gruppo imprenditoriale che opera in diverse regioni, tra le quali Sicilia e Toscana. In manette è finito anche il fratello di Giovanni Lo Porto, l’operatore umanitario sequestrato da Al Qaeda nel 2012 e assassinato tre anni dopo durante un’operazione antiterrorismo degli Usa con un drone. Dall’inchiesta è emerso che il braccio destro di Pietro Tagliavia, dai domiciliari continuava a governare la cosca, mentre Lo Porto avrebbe gestito il racket del pizzo. Si ricorda che la famiglia mafiosa dei Tagliavia risiede a Palermo ed è coinvolta anche nelle stragi del ’92 e del ’93.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook