Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CEFALÙ, TRUFFA IN OSPEDALE, 34 INDAGATI

CEFALÙ, TRUFFA IN OSPEDALE, 34 INDAGATI

Operazioni private fuori dalle liste d'attesa al San Raffaele Giglio di Cefalù: utilizzati struttura e farmaci senza lasciare traccia nei registri. Ottantasette i capi d'imputazione contenuti nell'avviso di conclusione indagini notificato dai Carabinieri del Nas.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CEFALÙ, TRUFFA IN OSPEDALE, 34 INDAGATI –

Coordinati della Procura della Repubblica di Termini Imerese, i carabinieri del Nas di Palermo hanno notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari a 34 persone, tra medici, infermieri e personale amministrativo in servizio presso la Fondazione ospedaliera San Raffaele Giglio di Cefalù e presso l’Assessorato regionale della Salute.
Gli indagati sono ritenuti responsabili a vario titolo di peculato, falso, abuso d’ufficio, truffa ai danni del Servizio Sanitario Regionale e illecita gestione di specialità medicinali ad azione stupefacente.
Dalle indagini effettuate le accuse sono imputare dall’aver agevolato l’accesso di alcuni pazienti all’Unità operativa di Chirurgia Generale della Fondazione ospedaliera a danno dei pazienti regolarmente in lista d’attesa per il ricovero, in violazione sia delle normative nazionali e regionali relative alla prenotazione delle prestazioni sanitarie e accesso alle liste per poi essere sottoposti a intervento chirurgico, sia riguardo alla compartecipazione al costo delle prestazioni sanitarie.
Gli accertamenti sono iniziati nel 2012 quando, a seguito di un controllo, furono scoperte presunte irregolarità da parte del primario della unità operativa e di altri operatori sanitari, che non avrebbero documentato come previsto un intervento chirurgico su una paziente minore. L’intervento sarebbe stato solo uno dei tanti, compiuti con le medesime presunte modalità illecite, per favorire la propria attività libero professionale e trarne un ingiusto profitto economico.
Dalle indagini è emerso che sarebbero stati eseguiti interventi chirurgici privati utilizzando illecitamente le sale operatorie e i farmaci in dotazione all’ospedale, avendo cura di non lasciare traccia alcuna sui relativi registri.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook