Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SISTEMAZIONE MIGRANTI, PROTESTA SINDACI NEBRODI

SISTEMAZIONE MIGRANTI, PROTESTA SINDACI NEBRODI

Resta il malcontento dei sindaci dei Nebrodi dopo la collocazione dei 50 migranti a Sinagra: "Nessuno ci ha avvertito".

 

 

SISTEMAZIONE MIGRANTI, PROTESTA SINDACI NEBRODI –

Vincenzo Lionetto Civa, sindaco di Castell’Umberto, ieri, insieme ad alcuni cittadini aveva partecipato a una protesta davanti all’albergo ‘Canguro’ di Sinagra dove si trovano 50 migranti. Il primo cittadino in queste ultime ore continua ad affermare che questo trasferimento non è la soluzione ideale per la sua comunità.  Il sindaco ha spiegato che il trasferimento dei nuovi migranti perché secondo lui la Prefettura doveva trovare una struttura migliore e informare i comuni sull’arrivo dei migranti. Ecco come è nata la protesta. Civa spiega: «Con gli altri sindaci dei Nebrodi che parteciperanno oggi alla riunione nell’aula consiliare di Castell’Umberto cercheremo di trovare soluzioni e proporre un documento unitario da presentare al Prefetto. I migranti devono essere spostati al più presto». Poi ha rimarcato: «Noi da tempo, insieme agli altri sindaci dei Nebrodi, sapendo che qui sarebbero arrivati oltre 7000 migranti solo nei nostri comuni avevamo chiesto un incontro al prefetto per concordare le azioni di accoglienza, ma ci è stato negato. Ieri dell’arrivo dei migranti lo sapeva la cooperativa, lo sapeva l’agenzia dei pullman che li ha portati qui, solo noi sindaci non sapevamo nulla». E poi il sindaco conclude: «Noi vogliamo essere partecipi alle scelte dello Stato va bene che c’è la legge che dice che ci deve essere il 2,5 % migranti ogni mille abitanti però deve poi essere rispettata qui i migranti sono 50 e il comune di Sinagra è piccolo. Tra l’altro mancava anche l’energia elettrica. Chiediamo al Prefetto di nuovo un incontro per concordare un piano di accoglienza, noi possiamo anche assisterli direttamente noi non c’è bisogno di utilizzare le cooperative si può risparmiare». Interviene ancora il primo cittadino: «Dopo l’incontro con gli altri sindaci torneremo davanti all’hotel per protesta finché i migranti non saranno spostati, anche se al momento c’è un nubifragio».
Non si è fatta attendere la risposta del Prefetto che ha minimizzato la diatriba: «La situazione nell’ ex hotel dove si trovano i migranti a Sinagra (Me) è tranquilla non è in atto alcuna protesta – spiega il capo di Gabinetto della Prefettura di Messina Caterina Minutoli – Non sappiamo ancora se e quando saranno spostati i migranti, al momento non vediamo l’esigenza di questa scelta. Ascolteremo cosa i sindaci avranno da comunicarci dopo la riunione».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook