Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SICILIANI ARRESTATI SCONTRI G20: PRESIDIO A CATANIA PER CHIEDERE LIBERAZIONE

SICILIANI ARRESTATI SCONTRI G20: PRESIDIO A CATANIA PER CHIEDERE LIBERAZIONE

Dopo gli scontri del G20, il centro sociale ‘Liotru’ ha organizzato una manifestazione davanti la sede della prefettura di Catania per chiedere la liberazione dei siciliani arrestati ad Amburgo e incontrare il prefetto Riccio. Si tratta di due catanesi del centro sociale e di un militante di Rifondazione Comunista di Partinico, che sono in carcere dallo scorso fine settimana.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SICILIANI ARRESTATI SCONTRI G20: PRESIDIO A CATANIA PER CHIEDERE LIBERAZIONE –

Dopo gli scontri del G20 ad Amburgo è stato organizzato dal centro sociale ‘Liotru’ un presidio davanti la sede della prefettura di Catania per sollecitare ufficialmente le autorità competenti e chiedere assieme a famiglie, amici e compagni la liberazione immediata dei siciliani , rinchiusi nella prigione di Billwerderd.
Sono tre i siciliani dei sei italiani arrestati in Germania: Emiliano Puleo 30 anni, storico esponente di Rifondazione Comunista di Partinico e dei catanesi del Centro Sociale “Liotru” Alessandro Rapisarda, 25 anni e Orazio Sciuto di 31.
venerdì scorso i tre sono stati arrestati e da quanto si apprende, le accuse mosse riguardano questioni inerenti l’ordine pubblico. Il caso è seguito da vicino dal deputato siciliano di Si, Erasmo Palazzotto che si è messo in contatto con l’ambasciata italiana in Germania e con la Farnesina.
Per chiedere la liberazione di Orazio e Alessandro in alcune zone della città di Catania, e nel quartiere di San Cristoforo, sono stati esposti alcuni striscioni, realizzati dal Centro Sociale ‘Liotru’. Una componente del Centro Sociale, Lara Torrisi spiega: «Sono entrambi stati fermati lontano dai focolai di guerriglia avvenuti in città. Stavano semplicemente camminando per strada. Riteniamo ingiusto che siano ancora in carcere e soprattutto vergognoso che le autorità italiane ignorino un fatto così grave».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook