Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SICILIA ANCORA IN FIAMME

SICILIA ANCORA IN FIAMME

Segnalati altri 20 roghi nell'Isola. A Calampiso, il forte odore di fumo non consente il rientro dei turisti e resteranno fuori dai loro alloggi fino a sabato. L'incendio a San Vito Lo Capo non ha causato danni alla struttura turistica.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SICILIA ANCORA IN FIAMME –

Le squadre antincendio in Sicilia sono ancora al lavoro per domare una ventina di roghi dopo la drammatica emergenza di ieri. A San Vito Lo Capo e Lipari, gli interventi riguardano l’ultimazione del lavoro di ieri.
Altri incendi si sono da poco sviluppati su alcuni terreni a Monreale, comune in provincia di Palermo dove è in azione un canadair. Ad Adrano in provincia di Catania sono attivi due elicotteri dei vigili del fuoco. Un altro rogo è scoppiato a Librizzi in provincia di Messina e diversi focolai sono stati segnalati nel siracusano. La situazione è gestita dalla sala operativa della Protezione civile regionale. A Messina e Siracusa sono in corso due riunioni nelle sedi prefettizie per discutere sui provvedimenti da adottare e fare il punto della situazione per la verifica dei danni di ieri.
Intanto restano fuori dal villaggio di calampiso i 600 turisti e non rientreranno fino a sabato. Gli ospiti ieri hanno dovuto lasciare il resort di Calampiso, nel Trapanese, a causa di vasto incendio che ha lambito la struttura. I villeggianti, ieri, dopo essere stati allontanati via mare, sono rientrati solo il tempo di prendere i bagagli e hanno trascorso la notte nelle strutture messe a disposizioni da albergatori di San Vito, alcuni di essi in maggioranza siciliani, hanno preferito anticipare il rientro a casa. Alfio La Ferla, direttore della Tmc, la società che gestisce i servizi alberghieri del resort ha spiegato: «Abbiamo affrontato l’emergenza con grande efficienza».
Intanto nella struttura del villaggio sono iniziati i controlli per verificare il funzionamento degli impianti elettrici, idrici e delle comunicazioni che potrebbero essere stati danneggiati. Da un prima verifica gli immobili non hanno riportato danni, ma è rimasto un forte odore di fumo che non consente il rientro dei turisti che attendono il permesso per rientrare nei loro alloggi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook