Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SEQUESTRATI BENI PER 30 MLN AL SIGNORE DELLE SLOT

SEQUESTRATI BENI PER 30 MLN AL SIGNORE DELLE SLOT

Rosario D'Agosta secondo gli inquirenti è un personaggio contiguo a Cosa Nostra e gestiva il monopolio delle macchinette da gioco truccate.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SEQUESTRATI BENI PER 30 MLN AL SIGNORE DELLE SLOT –

Su proposta della Procura distrettuale di Catania, la Guardia di finanza ha eseguito un provvedimento di sequestro emesso dal Tribunale di Ragusa per oltre 30 milioni di euro nei confronti di Rosario D’Agosta, 64 anni, ritenuto contiguo a ‘Cosa nostra’ catanese dopo un’iniziale affiliazione alla ‘Stidda’ di Vittoria (Ragusa).
L’attività illecita è stata portata avanti per decenni dal D’Agosta, è testimoniata anche dall’esito di diversi controlli amministrativi che hanno portato al sequestro di numerosissime ‘macchinette’ illegali, con conseguente revoca delle licenze per la gestione degli apparecchi da gioco.
Il patrimonio illecitamente accumulato è costituito da 61 unità immobiliari (appartamenti, garage, magazzini, attività commerciali e terreni) ubicate tra Vittoria (59 unità) e Ragusa (2 immobili), tra le quali spicca una villetta sul mare sita nella frazione di Scoglitti (RG), nonché da ulteriori 6 unità immobiliari (3 appartamenti con annessi 3 garage) nei comuni di Caravate e Cocquio-Trevisago (Varese) e 5 autovetture.
Secondo gli inquirenti, il patrimonio illecitamente accumulato deriva dal monopolio dell’indagato nel settore della commercializzazione e installazione degli apparecchi da gioco ‘truccati’ nel Ragusano. D’Agosta era stato condannato in primo grado, nel 2015, a 5 anni di reclusione per il tentato omicidio nel 2009 di Giuseppe Doilo, appartenente alla Stidda. La vicenda segnava un momento di tensione tra fazioni opposte tra rappresentanti di Stidda e Cosa nostra.
Altra vicenda giudiziaria che ha coinvolto D’Agosta è la minaccia rivolta nel 2014 a un collaboratore di giustizia (“fermati che te la devo far pagare… ti devo uccidere”), in relazione alla quale il Tribunale di Catania lo ha condannato a 6 mesi di reclusione per minaccia aggravata dal metodo mafioso.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook