Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SCUOLA FALCONE, ANCORA UNO SFREGIO

SCUOLA FALCONE, ANCORA UNO SFREGIO

Adiacente all’edificio scolastico dello Zen di Palermo è stato trovato un uccello con la testa mozzata. Nei giorni scorsi, era avvenuto un altro episodio inquietante, la statua del giudice antimafia Giovanni Falcone era stata trovata decapitata.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SCUOLA FALCONE, ANCORA UNO SFREGIO –

Questa mattina davanti alla scuola Falcone, nel quartiere Zen di Palermo, è stato trovato un uccello con la testa mozzata. Nei giorni scorsi, era stata decapitata la statua del giudice ucciso dalla mafia. Secondo gli inquirenti sarebbe un messaggio intimidatorio. Sul posto si è recata la polizia per effettuare dei rilevamenti. Dopo il danneggiamento del busto del magistrato, la sorella aveva chiesto maggiore vigilanza sui luoghi. L’edificio scolastico intitolato al giudice, si trova in un quartiere ad alta incidenza criminale e aveva subito danneggiamenti anche negli anni scorsi.
Infatti, la statua, era stata recintata ed era stato attivato un sistema di videosorveglianza che, però, al momento non è funzionante. Nel pomeriggio si recherà a Palermo il ministro dell’Istruzione Fedeli e per l’occasione incontrerà la preside dell’istituto Daniela Lo Verde.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook